Via libera agli aiuti per le stazioni invernali: stanziati 430 milioni di euro gli impianti di risalita

gallery_4d622261ba6ffBuone notizie per gli operatori del turismo di montagna.

L’Antitrust dell’Unione europea ha approvato il pacchetto di aiuti da 430 milioni, stanziati dallo Stato italiano, per risarcire gli operatori del settore dai danni economici subiti a causa delle misure dell'epidemia di coronavirus.

Una boccata d'ossigeno, dunque, per i tanti gestori che hanno dovuto tenere fermi tutti i sistemi di sky-lift e funivie: le piste da sci e gli impianti di risalita, ricordiamo, sono rimasti chiusi al pubblico dal 4 dicembre 2020 al 30 aprile 2021 e messi in funzione esclusivamente per gli atleti tesserati Fisi.

Il via libera dell’Ue è però condizionato a controlli. Le autorità italiane dovranno verificare che non vi sarà sovra-compensazione, cioè che nessun operatore riceva un risarcimento maggiore di quello che ha subito in danni, altrimenti l’Italia incorrerà in procedure d’infrazione per aiuti di Stato contrari alle regole comunitarie vigenti.

In un post, pubblicato sulla pagina facebook, l' Unione nazionale dei comuni, delle comunità e degli enti montani afferma: "Nei giorni scorsi Uncem ha scritto al ministro Garavaglia, chiedendo di poter lavorare insieme in tempi rapidi a regole certe e semplici per la nuova stagione invernale. Ora si compensino in primo luogo le perdite dello scorso anno. L’ok di Bruxelles è il passo in avanti burocratico che aspettavamo".

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48