Impennata di contagi covid in montagna

L'AUSL ha certificato nei dati pubblicati ieri 15/9 ben 17 nuovi casi di contagio da covid: Carpineti 6, Castelnovo ne' Monti 5, Toano 3, Ventasso 1, Vetto 2.

Era da molto tempo che non si registravano simili numeri. I casi di Carpineti si sono registrati nella casa protetta, ma non ci sono sintomi gravi.

Ciò dimostra come il virus continui a lavorare anche sottotraccia e quindi come sia necessario mantenere le norme di distanziamento e di attenzione, ma soprattutto la ovvia necessità di fare il vaccino.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Queste notizie sembrano non essere seguite da certi amministratori della montagna che organizzano eventi quando vi sono altre importanti PRIORITÀ per le nostre comunità

    (Cittadino montanaro)

    Rispondi
  2. Quando ci si accosta all’argomento Covid, va messo ragionevolmente in conto il rischio di cadere in imprecisioni, errori o fraintendimenti, ma una tale consapevolezza non dovrebbe farci comunque rinunciare all’idea di “dire la nostra” in proposito, scusandoci fin da subito per le improprietà o inesattezze in cui dovessimo casomai incorrere.

    Nel leggere di questa inaspettata cifra – non a caso qui definita come una impennata – può venire spontanea una rispettosa domanda o considerazione, ossia il chiedersi se, da queste comunicazioni dati, non potrebbe tornare utile il ricevere una ulteriore informazione, specie allorché i numeri figurano essere significativi.

    Sapere ad es., onde rendersi meglio conto dell’andamento o evolversi delle cose in materia, se e quante sono, tra le persone risultate positive al Covid, quelle eventualmente vaccinate, e quante invece no, e semmai per le prime il tempo trascorso dalla vaccinazione, e conoscere altresì se vi siano inclusi pure guariti dal Covid.

    A me non sembrerebbe che il disporre di un tale e generico dato possa ledere in qualche modo il principio della riservatezza, cui, ovviamente e irrinunciabilmente, non bisogna mai venir meno, ma nel contempo non posso escludere – e neppure lo voglio – l’esistenza di ragioni che depongono per non esporre le voci di cui dicevo.

    P.B. 19.09.2021

    (P.B.)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48