Saldo positivo per le imprese reggiane: 189 unità in più in un trimestre. L’edilizia traina la crescita

Nel terzo trimestre dell’anno in corso, il saldo fra le aziende nate in provincia di Reggio Emilia e quelle che nello stesso periodo hanno cessato l’attività, si è chiuso in positivo per 189 unità: tra luglio e settembre ci sono state 621 nuove iscrizioni al Registro Imprese della Camera di Commercio e 432 cessazioni.

Il numero complessivo delle imprese si è così portato a 54.405 unità, lo 0,4% in più rispetto alla fine di giugno 2021 (a settembre 2019 le imprese reggiane erano 54.219).

I dati relativi alla nati-mortalità delle imprese evidenziano andamenti in aumento per la maggior parte dei settori.

La crescita è trainata in modo particolare dal settore delle costruzioni che, grazie anche all’impatto dei bonus e superbonus del comparto edile, ha visto salire il numero delle imprese di 85 unità in tre mesi, passando dalle 11.813 unità di giugno alle 11.898 di settembre.
Oltre alle costruzioni, nel trimestre estivo hanno registrato variazioni positive anche le imprese del terziario che, con un incremento dello 0,3%, hanno raggiunto le 13.644 unità. In particolare, sono salite a 10.302 le attività di supporto alle imprese (+29 imprese in tre mesi, pari ad una crescita dello 0,3%). In rialzo anche il numero delle aziende che svolgono attività di servizio rivolto alle persone che, con un incremento dello 0,5%, hanno raggiunto le 3.342 unità rispetto alle 3.326 del giugno 2021.
In aumento anche il commercio che, con 26 imprese in più (+0,25%) passa dalle 10.597 della fine del secondo trimestre 2021 alle attuali 10.623; la crescita ha riguardato sia le attività all’ingrosso che al dettaglio. Di segno positivo il trend registrato dalle attività di alloggio e ristorazione che, a fine settembre 2021, sono salite a 3.288 aziende (+0,2%), 3.111 delle quali  svolgono servizi di ristorazione e 177 di alloggio.
Praticamente stabile il numero di imprese del settore manifatturiero (complessivamente 3 aziende in più in tre mesi), ma all’interno del comparto alcune attività, come ad esempio quelle della metalmeccanica, mostrano andamenti in crescita (13 imprese in più, pari ad un +0,5% in tre mesi).

A fronte di attività che supportano il consolidarsi della struttura economica provinciale, altre si posizionano in campo negativo. E’ il caso delle attività del settore primario, scese a 5.874 imprese, 8 in meno rispetto a giugno, o del comparto “trasporti e magazzinaggio” (-5 aziende, pari al -0,4%).
Relativamente alla forma giuridica, prosegue l’aumento delle società di capitale, che attualmente, con 135 imprese in più rispetto a giugno, hanno raggiunto 14.470 unità e rappresentano più di un quarto delle imprese totali. Continuano comunque a rimanere prevalenti le ditte individuali che, nel terzo trimestre 2021 sono cresciute di 80 unità raggiungendo le 28.145 imprese, il 51,7% del totale.
In flessione le società di persone (-0,2%) e stabili, a 1.705 unità, le “altre forme”.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48