A Ligonchio accolti più di 120 giovani europei grazie all’Ostello dei Balocchi

La Legambiente Ligonchio che gestisce dal 2010 l’Ostello Asineria dei Balocchi di Ligonchio (ora Centro di Educazone Ambientale nazionale di Legambiente) continua il suo impegno per la valorizzazione del territorio attraverso una serie di attività dedicate ai giovani finanziate dal programma europeo Erasmus+.

Nell’ultimo mese è mezzo l’associazione ha accolto nel territorio di Ligonchio circa 120 ragazzi provenienti da tutta Europa, i quali hanno soggiornato mediamente per una decina di giorni, interessati ad approfondire le problematiche territoriali e sociali, molto simili a quelle dei loro territori di provenienza. "In un periodo pandemico come quello che stiamo attraversando – dichiara Stefano Regio, presidente della Legambiente Ligonchio – raggiungere questo risultato non è cosa da poco. Questo dimostra che il nostro territorio, con le sue criticità ma anche eccellenze come la nostra che lo mantengono vivo, rappresenta un elemento di grande interesse anche per giovani europei".

Da sabato 4 a domenica 12 dicembre si svolgerà l’ultimo scambio giovanile Erasmus dell’anno 2021. Si tratta di “Mimicry: the role of young generations”, finanziato dall’Unione Europea nel 2020 ma che, a causa della pandemia si svolgerà solo ora. Il progetto affronterà le tematiche dell’inclusione sociale e della partecipazione attiva giovanile con focus particolari sulla problematica dei “NEET” (persone, soprattutto di giovane età, che non hanno, né cercano un impiego e non frequentano una scuola né un corso di formazione professionale) e più in generale dei giovani con minori opportunità di tipo sociale economico o geografico, maggiormente evidenti nelle aree cosiddette marginali, rurali o urbane che siano.

Mimicry è uno scambio giovanile che coinvolge 30 ragazzi dai 18 ai 25 anni provenienti da Italia, Spagna, Portogallo e Francia, e che ha come obiettivo quello di creare uno spazio di condivisione e approfondimento sull'argomento, ma soprattutto di stimolare nei partecipanti una riflessione utile a sviluppare concrete possibilità di partecipazione giovanile e lavorative, a partire proprio dall'analisi dell’ambiente in cui si vive.

"Attraverso la nostra consolidata esperienza operativa in zona marginale e svantaggiata – precisa Airin Toscani, responsabile delle attività di Educazione Ambientale per bambini ed Europrogettazione -  siamo convinti che le criticità e le mancanze di un territorio possono, se analizzate con fantasia e creatività, trasformarsi in opportunità ed è proprio questo tipo di attitudine che indentiamo stimolare con questo progetto. Durante i prossimi dieci giorni, oltre alla nostra, i partecipanti potranno conoscere da vicino realtà del territorio appenninico che hanno saputo  generare occupazione in modo originale e innovativo, dando una speranza ai giovani che vivono in montagna di poterci rimanere. Lo studio di cooperative di comunità come quella dei  Briganti di Cerreto, o di progetti di attivazione giovanile come REinVenta, finanziato dalla Fondazione Manodori, sono solo alcuni degli esempi di rilancio territoriale e occupazionale che i ragazzi avranno modo di conoscere".

Lo scambio giovanile si concluderà con l’incontro organizzato in collaborazione con l’Istituto Mandela di Castelnovo ne' Monti, durante il quale i partecipanti incontreranno gli studenti delle quinte superiori proprio per affrontare queste tematiche in un confronto europeo e locale, ma anche per presentare le opportunità che, tramite il programma Erasmus+ e l'Agenzia Nazionale giovani di Roma, l’Ostello dei Balocchi riesce portare sul territorio.

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Congratulazioni complimenti per quanto avete fatto, per quanto state facendo e sopratutto quanto farete. È sicuramente una opera che occorre mettere in risalto ed è encomiabile in quanto viene fatta in un territorio difficile visto che sicuramente si è ai margini e la popolazione non è in crescita. BRAVI BRAVI

    Gianni

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48