Coldiretti lancia l’allarme: la quarantena mette a rischio le forniture alimentari

"Con l’avanzare dei contagi e la crescita esponenziale degli italiani in isolamento o in quarantena sono a rischio anche le forniture alimentari del Paese".

A sostenerlo è la Coldiretti,  in riferimento all’ipotesi di quarantena breve e prosegue: "Una necessità per i cittadini,  ma anche per gli imprenditori in un settore che deve seguire la stagionalità dei raccolti e rispettare la deperibilità delle produzioni. Il cibo italiano sulle tavole degli italiani e degli stranieri è garantito da 740mila aziende agricole, 70mila industrie alimentari e 230mila punti vendita al dettaglio, particolarmente esposti al rischio contagio. Una rete diffusa lungo tutto il territorio che – continua la Coldiretti – viene quotidianamente rifornita grazie all’impegno di imprese e lavoratori"

Secondo i dati di Coldiretti nel 2021 il cibo diventa la prima ricchezza dell’Italia per un valore di 575 miliardi di euro, con un aumento del 7% rispetto all’anno precedente, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, anche grazie al record storico nelle esportazioni che hanno raggiunto il valore di 52 miliardi.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Vorrei dire alla Coldiretti che anche i cambiamenti climatici metteranno in difficoltà le produzioni alimentari, specie di Reggio e Parma, e allora perchè la Coldiretti non si è mai schiarata a favore degli Agricoltori Reggiani e Parmensi che hanno bisogno della Diga di Vetto per le loro produzioni?. Chiunque comprende che per l’agricoltura la Diga di Vetto è tutto, ma come mai la Coldiretti non fa nulla per sostenerla?. forse gli interessi politici vengono prima degli interessi degli agricoltori?. ai lettori la risposta.

    Sergio

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48