La novità dei botti di capodanno è la bomba D10s

Al via la campagna d’informazione preventiva dei Carabinieri “Usa la testa non rovinarti la festa”.

La pandemia e le limitazioni delle feste non hanno fermato il lavoro dei fuochisti, già pronti da inizio dicembre a mettere sul mercato, quello nero, la grande novità del 2021.

I Carabinieri comunicano che si tratta dell'immancabile botto dedicato a Maradona: una sorta di "cobra", ma rivestito coi colori della nazionale argentina e la scritta D10s, il tetragramma in cui la parola spagnola si fonde col numero 10, quello che l'asso argentino portava sulla maglia.

Un petardo pericoloso - riferiscono dall'arma - più di quelli che negli anni lo hanno preceduto.

Il comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia promuove la campagna di sensibilizzazione “Usa la testa non rovinarti la festa”, rivolta soprattutto ai giovani, per educarli al corretto uso dei fuochi pirotecnici legali e disincentivare l’acquisto dei pericolosissimi fuochi illegali, che spesso provocano tante vittime, specie nei giovani in età adolescenziale.

La new entry D10s ha quindi un nuovo nome, ma lo stesso potenziale distruttivo, dato che si tratta di un ordigno che può contenere sino a 800 grammi di miscuglio esplosivo.

''La battaglia – precisano dal Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia - potrà essere vinta se si riuscirà a far comprendere, soprattutto ai giovani, che il problema è essenzialmente culturale. In questi casi, quasi sempre gli incidenti sono dovuti a disattenzione e non a fatalità''.

Un'ulteriore raccomandazione che i carabinieri rivolgono è quella di non lasciare soli gli animali in quanto il fragore di petardi, fuochi d'artificio e botti scatena negli stessi una naturale reazione di spavento, che li porta frequentemente a perdere l'orientamento, esponendoli così al rischio di smarrimento o investimento.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Sarebbe ora di abolire fuochi d’artificio e botti in generale! È assurdo che ancora in molte Località nn ci sia il divieto! Nn è civiltà!

    Cristina Tagliati

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48