Giuliano Razzoli sul podio a Wengen dopo 6 anni

L'ultimo podio di Giuliano Razzoli era stato nel gennaio 2016 a Wengen (secondo) e dopo sei anni il nostro oro olimpico ritorna sul podio sempre a Wengen!

E' stata una gara che nella seconda manche ha visto accadere di tutto e di più: il norvegese Kristoffersen, che aveva chiuso in testa con ampio margine la prima manche, ha inforcato a poche porte dall'arrivo, l'altro norvegese, millennial, Lucas Brathen, che era 29^, ha vinto, Giuliano Razzoli che invece ha compiuto 37 anni ed era 9^, si è classificato terzo!

Una manche davvero da fuochi artificiali che ha visto sia Brathen che Razzoli, distanti 16 anni d'età, molto commossi sul podio, al limite delle lacrime.

La soddisfazione per il nostro atleta, dopo tanti anni di sofferenze, di sacrifici e di delusioni,  deve essere enorme specie perchè siamo ad un mese o poco più da una olimpiade su cui Razzoli ha già espresso in qualche intervista le sue speranze.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

9 Commenti

  1. Grandissimo !!
    E fra 19 gg iniziano le Olimpiadi invernali.
    Facci sognare !!

    Vittorio Bigoi

    Rispondi
  2. Orgoglio Reggiano!! Che dire a 37 anni dopo 6 anni dall’ultimo podio….IMMENSO!

    Alessandro

    Rispondi
  3. Complimenti al Razzo. Mi fa piacere aver sbagliato nel averlo dato per finito 2 stagioni fa’.

    G. U.

    Rispondi
  4. Sono molto contento per Razzoli che dimostra ancora una volta il suo talento. Un grande atleta che ha dedicato tutta la vita a questo sport, ma purtroppo ha raccolto molto meno di quanto ha seminato. Credo che con questo podio, ed anche gli altri ottimi risultati di quest’anno, possa zittire chi lo ha sempre criticato dalle Olimpiadi ad oggi. Classe inesauribile!

    Beppe

    Rispondi
  5. Anch’io mi cospargo il capo di cenere, lo scorso anno pensavo fosse venuto per Razzoli il momento di fare un passo indietro, viste le ultime deludenti stagioni.
    Evidentemente, la sua testardaggine tipicamente montanara e il suo talento, gli hanno dato ragione.
    Chapeau

    Ivano Pioppi

    Rispondi
  6. Grande Razzo sei un mito !

    DC

    Rispondi
  7. congratulazioni per il risultato in questo avvio di 2022!! che ci siano altre soddisfazioni prima di concludere la stagione

    un cittadino montanaro

    Rispondi
  8. vai grande razzo …. super complimenti
    in bocca al lupo per le olimpiadi…..

    mauro

    Rispondi
  9. Grandissimo Giuli, un risultato che dimostra ancora una volta di che pasta sono fatti i veri montanari !!! Grazie.

    Luciano Montermini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48