Home Editoriale Raccolta fondi “O tutto o niente”: il tuo aiuto è fondamentale

Raccolta fondi “O tutto o niente”: il tuo aiuto è fondamentale

53
0

In arrivo tante novità per Redacon. A breve sveleremo i retroscena del nostro progetto per migliorare la grafica e l'usabilità del sito. Nel frattempo ecco come pensiamo di riuscirci...

Redacon dal 2004 è voce della montagna, un territorio tanto vasto quanto periferico rispetto alla Provincia e le cui notizie a volte sfuggono dalle pagine dei maggiori quotidiani locali. Una realtà che si basa su una solida rete di volontariato e che nasce gratuita, così come vuole rimanere.

Tramite una campagna di raccolta fondi, conosciuta come crowdfunding (dall’inglese crowd folla e funding finanziamento), avviene il coinvolgimento dal basso di persone interessate a sostenere un progetto per la funzione che questo svolge, per il suo prestigio o semplicemente perché giusto.

Le persone sono spinte a donare poiché credono nei valori del progetto e nella necessità della sua realizzazione, cosa che non potrebbe accadere senza il loro aiuto. La soddisfazione nel vedere il progetto realizzato è quindi il motivo principale della donazione e poi ci sono le ricompense. A seconda dell'ammontare della donazione, le persone ricevo in cambio una ricompensa più o meno proporzionata e simbolicamente legata alla causa, come ringraziamento e augurio che, alla fine, il progetto si farà.

E anche Redacon, per poter restare al passo con i tempi ha bisogno di una spinta, un sostegno dal basso della comunità dei suoi lettori, collaboratori, enti, tutti. Come strumento di raccolta fondi Redacon ha quindi scelto di affidarsi al crowdfunding, un modo per sostenere il proprio progetto basandosi sul contributi di piccoli e medi investitori.

"O tutto o niente" è la tipologia della campagna pensata per questo nostro progetto. Ciò significa che se non si raggiungerà la cifra richiesta, tutti i donatori saranno rimborsati della cifra completa. Questo per ricordare che senza l'aiuto prezioso di tutti il progetto non si farà...

Articolo precedenteFioritura di febbraio? (Foto di Pia Bertucci)
Articolo successivoÈ “L’Ora della Musica” all’Istituto musicale Peri-Merulo di Castelnovo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.