Gasolio, prezzo record in Appennino: 2,3 euro al litro

Le tensioni internazionali e la guerra in Ucraina stanno facendo lievitare il prezzo del carburante.

Un'impennata causata dall'aumento del prezzo del petrolio, che ha ormai toccato i 120 euro al barile, sulla quale, oltre al mancato accordo tra i Paesi Opec sull'aumento della produzione e la tendenza negativa del cambio tra euro e dollaro (sceso a quota 1,09), sta facendo sentire i suoi effetti anche la guerra in Ucraina. Tutti fattori che stanno spingendo le compagnie a ritoccare quasi quotidianamente al rialzo i prezzi di benzina, gasolio, diesel e metano, anche se occorre ricordare che il costo del combustibile incide solamente in parte sul prezzo finale, determinato anche dai costi logistici di trasporto del carburante e dalle accise, storicamente molto alte in Italia. In Appennino le cose vanno ancora peggio.

Nella nostra montagna il gasolio oggi tocca il prezzo record di 2,229 euro al litro. Non va molto meglio alla benzina (che alcuni anni fa costava tradizionalmente molto di più del gasolio) che si ferma a 2,189. Un lettore documenta questi prezzi sui social.

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Siamo alla “frutta”; ma presto non avremo più neppure quella. I prezzi spaventosi di Gasolio, Benzina, Metano, Energia elettrica sono si i risultati della guerra ma anche dei fautori del “NO a tutto” e dei partiti che li hanno sempre sostenuti; da anni si dice di NO alle perforazioni per metano e petrolio in Italia e in Adriatico e NO alle Dighe che danno acqua e energia, l’acqua per irrigare e per le Industrie si deve pompare da Valle verso monte o dalle falde e per i pompaggi e per le industrie si importa Energia da Centrali Nucleari costruite sui confini. Ma ora il conto lo paghiamo tutti noi e presto questi aumenti incideranno, non poco, anche sui generi alimentari. Qui il Gasolio supera i 2,10 Euro/l, in USA costa solo 0,70 Euro/l, ma in USA, come in tanti Stati Europei ciò che serviva è stato fatto e ciò che hanno lo usano, in Italia siamo arrivati al punto che dipendiamo in tutto dall’estero, credo che siamo il Paese che più di tutti dipende dall’estero; non povera Italia, ma poveri noi Italiani, grazie a qualcuno.

    Franzini Lino

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48