Home Cronaca Progetto Montagna: 260 giovani studenti di Castelnovo formati a distanza grazie a...

Progetto Montagna: 260 giovani studenti di Castelnovo formati a distanza grazie a centri di eccellenza

8
0

A Castelnovo si investe sul futuro dei giovani.

Oggi al Cattaneo Dall’Aglio è stato inaugurata la rete SINEMA, frutto del Progetto Montagna finanziato da Unindustria Reggio Emilia, che collega laboratori tecnologici dell’Appennino con il Digitasl Automation lab di Reggio Emilia e lo stabilimento Project Group di San Polo d’Enza. L’iniziativa è promossa da Unindustria Reggio Emilia, in collaborazione con Unione Montana dei Comuni dell’Appennino reggiano (capofila il Comune di Castelnovo né Monti), Istituti tecnici superiori di Castelnovo Monti Cattaneo-Dall’Aglio e Mandela, Fondazione REI e le imprese Siemens, General Com e Project Group.

Grazie a questo progetto 260 studenti di Castelnovo Monti verranno formati a distanza, attraverso il collegamento, mediante tecnologie digitali e informatiche innovative, con centri di eccellenza del territorio reggiano. I laboratori, connessi da remoto, sono quattro e sono ubicati presso la sede di Reggio Emilia del Digital Automation Lab, lo stabilimento Project Group di San Polo d’Enza e i due istituti tecnici montani coinvolti.

Paola Bacci, dirigente scolastica Istituto Cattaneo Dall’Aglio, dice: “Considerando i trienni dei corsi coinvolti sono circa 200 i nostri ragazzi che usufruiranno di questa opportunità. I corsi interessati sono Informatica, Automazione ed Elettrotecnica. Le apparecchiature collegate sono stampante e laser scanner 3D, progetti IoT, braccio robotico collaborativo, due banchi didattici di automazione con dispositivi per spazio automazione”.

Monica Giovanelli, dirigente scolastica Istituto Mandela, racconta: “Il nostro laboratorio dispone di un tornio a controllo numerico, un robot collaborativo e a breve di una stampante 3D. Gli studenti del triennio dell’indirizzo meccanico che usufruiranno delle attrezzature sono circa 60”.

 “L’inaugurazione di questi laboratori segna una strada importante per il futuro del nostro territorio – spiega Tiziano Borghi, presidente dell’Unione Montana dei comuni dell’Appennino reggiano - che punta a dare opportunità formative e lavorative avanzate ai nostri ragazzi. Istituti tecnici e professionali dell’Appennino, aziende ed Enti di ricerca ora possono mettere in campo nuove potenzialità didattiche, formative e industriali, ma anche superare le distanze che il territorio impone. Un percorso che unisce realtà di eccellenza e imprese che sono fiori all’occhiello del territorio e che dimostrano che in collina e montagna possono trovare sede imprese proiettate nel futuro, garantendo occupazione e importanti prospettive socio economiche al territorio”.

Il sindaco di Castelnovo Enrico Bini, sottolinea: “Questo progetto si inserisce nel Laboratorio Appennino, che prevede altre opportunità formative che saranno attivate nelle prossime settimane. Vogliamo intensificare i rapporti tra il mercato del lavoro e i nostri Istituti superiori che muovono proprio dalla valorizzazione del capitale umano. E’ una grande opportunità, un investimento sui giovani, per sviluppare al meglio le loro potenzialità ".

“Abbiamo dato vita a questa iniziativa di formazione e qualificazione del capitale umano - afferma Fabio Storchi, presidente Unindustria Reggio Emilia - rivolta in particolare ai giovani, perché riteniamo fondamentale l’apprendimento delle nuove tecnologie e dei processi di digitalizzazione, per contrastare l’abbandono della montagna e favorire così la residenzialità e il radicamento nel territorio montano; creando in questo modo le premesse per la crescita e lo sviluppo del sistema economico e sociale dell’Appennino Reggiano”.

Giorgio Zanni, presidente Provincia di Reggio Emilia, aggiunge: “Grazie a questa preziosa sinergia tra istituzioni ed imprese promossa da Unindustria riusciremo a garantire, attraverso le più moderne tecnologie digitali ed informatiche, le stesse opportunità  formative e  occupazionali delle scuole della città agli istituti tecnici e professionali di Castelnovo Monti, un polo scolastico di grande qualità come dimostra anche il consistente aumento di iscrizioni, quasi il 12% in più, che si è registrato a febbraio in vista del prossimo anno scolastico”.

Articolo precedenteTanti errori concludono il pareggio Viano-Montecchio
Articolo successivoRoberto Fieschi presenta sabato a Castelnovo il suo libro “Il sonno della ragione”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.