Carpineti piange l’alpino Andrea

Una brevissima e terribile malattia priva la collettività dell’alpino Andrea Croci: importante figura carpinetana impegnata in diverse associazioni locali.

San Paolo nella lettera ai Corinzi dice: “Rimangono la fede, la speranza e la carità; ma la più grande di tutte è la carità”. In effetti nella persona di Andrea Croci sono presenti tutte queste virtù e tra tutte spicca senza dubbio la carità. Il suo cuore giallo-rosso ne è espressione concreta come i colori di Protezione Civile e Croce Rossa Italiana. Andrea è infatti membro del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e socio fondatore del comitato locale della Croce Rossa Italiana di Carpineti.

Difficile era vederlo in giro vestito in borghese, più probabile incontrarlo accompagnato da un cappello con penna nera abbinato alle divise dei sodalizi nei quali è volontario declinando in modo concreto e tangibile la sua predisposizione innata a spendersi per il prossimo. L’amore, l’attaccamento, la devozione e l’umiltà con cui porta avanti le attività nelle associazioni carpinetane ne fanno il “volontario modello” da prendere ad esempio ora e in futuro.

L’essere alpino di Andrea si esprime nell’orgoglio con il quale trasporta i valori del corpo al quale appartiene anche negli altri comparti in cui è attivo. E allora emergono l’attaccamento alle tradizioni, la solidarietà, il senso del dovere e il rispetto degli emblemi e fra questi in primis verso la bandiera italiana e ciò che rappresenta.

Pacato e franco nei modi, esprime con perizia e precisione pareri e concetti spesso dirimenti sia nelle questioni ordinarie che in quelle più complesse. Profondo conoscitore del territorio carpinetano lo percorre in lungo e in largo con le uscite del locale Gruppo di Cammino dove risultano preziosi i suoi suggerimenti e le note di colore con le quali pennella le passeggiante raccontando aneddoti della storia e dei personaggi carpinetani del passato.

Non si può non far menzione del suo amore per la bellezza della natura e delle emergenze storico-architettoniche del territorio. Le fa diventare i soggetti delle foto che scatta per poi condividerle con i conoscenti e sui social.

Tiziano Borghi, sindaco di Carpineti, riferisce quanto segue: “Alla notizia della scomparsa di Andrea sono rimasto ammutolito e attonito. Con lui se ne va una persona di particolare caratura per il paese che amministro. Andrea è una sintesi di dedizione, responsabilità, doveri civili e morali ai quali ciascuno dovrebbe tendere. Sicuramente la sua assenza sarà palese. Mi piace ricordare Andrea nei ruoli ricoperti come volontario e lo voglio fare condividendo un episodio per me molto toccante. Il 25 Aprile 2021, in pieno lock-down, eravamo solo in tre a rendere omaggio al monumento ai caduti io, monsignor Guiscardo Mercati e Andrea con gonfalone."

Ed è proprio il gonfalone di Carpineti, retto da Andrea in molteplici occasioni, come ha ricordato il sindaco, che oggi si inchina ad onorarlo e così pure lo fa l’intera comunità che si stringe nel più sincero e sentito cordoglio attorno alla moglie Zita Gatti, apprezzata maestra in pensione della scuola materna, a Luca, il figlio, stimato medico condotto a Felina e a tutti i famigliari.

In attesa di definizione data delle esequie.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

8 Commenti

  1. Nn lo conoscevo di persona ma conosco Luca il mio medico IL MIO GRANDE DOTT come lo chiamo io. Mi dispiace tanto.Un abbraccio alla famiglia e vicinanza a Luca alla sorella Marinella e alla moglie.

    Luciana muzzini

    Rispondi
  2. Ho letto quanto è stato scritto del carissimo Andrea e condivido in pieno. Vorrei aggiungere un aspetto importante della sua vita, l’impegno e la testimonianza cristiana. Come portava con fierezza il Gonfalone che richiama l’appartenenza civile e territoriale ; con onore portava la Croce simbolo della fede Cristiana . La piccola comunità di Poiago deve essare grata a lui per la cura e la premura nel custodire la chiesa parrocchiale, sempre pronto a soddisfare ogni richiesta. Personalmente sono grato ad Andrea per la stima, l’amicizia e il grande aiuto che mi ha sempre donato. La sua salita al cielo ci priva di un fedele, saggio consigliere ,faceva parte del consiglio amministrativo dell’Unità Pastorale e i suoi interventi erano sempre mirati al bene. Carissimo Andrea ci mancherai. Anche dal letto del tuo calvario hai avuto un pensiero per la tua chiesa, mandandomi a dire per Zita che dovevo aggiornare al nuovo orario il suono delle campane. Amavi la tua chiesa e proprio ora che finalmente possono partire i lavori di restauro da te tanto sollecitati e attesi, tu li dirigerai dal balcone del Paradiso. Con tanta tristezza ma con forte certezza di saperti nelle mani di Dio ti saluto con le parole del canto ” Signore delle cime”. Arrivederci in Dio caro Andrea e Grazie!

    don Guiscardo

    Rispondi
  3. Dopo aver appreso la notizia della scomparsa di Andrea Croci e conosciuto le sue doti umane attraverso la lettura dell’articolo , abbiamo compreso ora davvero i motivi per cui il figlio, il nostro amato e Grande dottore , sia la splendida persona che è.
    Suo padre è riuscito a trasmettergli quei valori di altruismo, disponibilità e gentilezza che lo hanno reso unico, importante e indispensabile per tutti i suoi pazienti. Partecipiamo al dolore del dottor Luca e a quello dei familiari, porgendo sentite condoglianze.

    Gabriella Damini e Adonella Silvetti

    Rispondi
  4. Sono vicino a Luca e famiglia,ho saputo solo ora di questo immenso dolore.Un abbraccio forte e condoglianze,Ale

    Alessandro Pugnedoli

    Rispondi
  5. Carissimi Zita e Luca,
    sono profondamente colpita e tanto addolorata da questa terribile notizia.
    Ho apprezzato molto le parole di grande stima che ho letto su Redacon, e le condivido pienamente.
    Non conosco le cose giuste da dire… spero solo che riusciate a superare anche questo grandissimo dolore.
    Vi sono vicina, con affetto.
    Un abbraccio grande

    Laura Franchini

    Rispondi
  6. Sentite condoglianze
    Magnani Pietro Giovanni e Sassi Paola

    Magnani Pietro Giovanni

    Rispondi
  7. Carissima Zita non ci sono parole per esprimere il dolore, la tristezza, e tu sai bene il perché, di quanto accaduto. La tua grande fede e la grande forza d’animo che hai sempre dimostrato ti aiuteranno speriamo un po’. Ti siamo molto vicini ed esprimiamo a te,a Luca e alla famiglia tutta le nostre più sentite condoglianze, anche a nome di Daniele e Francesca
    Luciano e Marisa

    Luciano Montermini

    Rispondi
  8. Con affetto ti siamo vicini . Nn ci sono parole che possano lenire il dolore per la perdita del proprio Papà. Condoglianze sentitissime a Te e a tutta la tua famiglia.
    Angela e Rino.

    Angela Maioli

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48