Fermati per omicidio e soppressione di cadavere la moglie, la figlia e il genero di Giuseppe Pedrazzini

A quasi 24 ore dal ritrovamento del corpo di Giuseppe Pedrazzini, 78 anni, nel pozzo della sua abitazione di Cerrè Marabino a Toano, la moglie, la figlia e il genero dell'uomo sono stati fermati per omicidio e soppressione di cadavere dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Emilia assieme alla compagnia di Castelnovo Monti. Il pensionato non tornava a casa e non si vedeva per le vie del paese dallo scorso gennaio. A denunciarne la scomparsa però non sono stati i famigliari conviventi bensì gli amici ed altri parenti più lontani.

Terminate le difficili operazioni per il recupero del cadavere, i militari hanno seguito ulteriori accertamenti ed hanno condotto in caserma per l'interrogatorio - durato tre ore - la moglie, la figlia e il genero di Pedrazzini. Gli indagati si sono subito avvalsi della facoltà di non rispondere e saranno condotti nel carcere di Reggio Emilia. L'abitazione e i terreni della famiglia sono stati sottoposti a sequestro. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per ulteriori approfondimenti al fine di consentire al Giudice di verificare l'eventuale piena responsabilità dei parenti.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. quello che mi fa più stare in pena sono le sorti del povero bambino della coppia: a chi verrà affidato ? Quale sarà il suo futuro? Riuscirà a superare questa cosa?

    Magister

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48