Parte il progetto per le nuove “Officine della Creatività”: al via la ristrutturazione del centro culturale polivalente

Parte il progetto "Officine della creatività", un percorso che porterà alla riqualificazione completa del centro culturale polivalente di Castelnovo ne’ Monti.

Emaniele Ferrari, vicesindaco e assessore alla cultura di Castelnovo Monti, racconta il progetto.

“Finalmente possiamo dare il via a questo progetto, al quale lavoriamo da anni – afferma - Una struttura che, comprendendo la Biblioteca comunale 'Raffaele Crovi', la sede di Castelnovo Monti dell’Istituto musicale AFAM Peri – Merulo e gli spazi del gruppo giovanile Jerry Can, rappresenta un punto di riferimento importante non solo per i cittadini di Castelnovo Monti, ma di tutto l’Appennino e oltre. La Biblioteca Crovi è una delle più importanti della provincia, e sarà raddoppiata nei suoi spazi”.

“Una grande attenzione – continua Ferrari - sarà rivolta alla biblioteca per i ragazzi e per l’infanzia. Saranno completamente rifatte le aule del Merulo con l’introduzione di tutte le più moderne tecnologie, dalla registrazione alla musica elettronica, fino ai sistemi di insonorizzazione. Al piano terra dove c’è la Corte Campanini saranno aperti dei passaggi verso il parco di Palazzo Ducale, altro edificio sul quale è previsto un ulteriore intervento di riqualificazione e dove sono presenti le sale espositive in quelle che erano le scuderie, sempre affacciate sul parco. Le Officine della Creatività avranno anche un nuovo ingresso e un punto ristoro. Saranno presenti molti spazi per i giovani, dove potranno incontrarsi le generazioni, dove fare co-working, dove attingere alla cultura e alla bellezza”.

Si tratta di un progetto consistente, che richiederà un trasferimento temporaneo per un servizio molto utilizzato dalla comunità locale: la Biblioteca Crovi e la sala studio. Al momento sono stati trasferiti i volumi che erano ospitati nella sala studio, al piano terra del centro culturale. Nelle prossime settimane inizierà anche il trasferimento dei volumi della biblioteca.

Il periodo della ristrutturazione vedrà la biblioteca ospitata in ambienti della sede scolastica di via Sozzi (scuole medie). Spazi che verranno attrezzati in modo da poter offrire un servizio adeguato durante il periodo dei lavori, e che consentiranno alla Biblioteca di poter proseguire anche le iniziative quali presentazioni di libri e laboratori.

I servizi rivolti ai giovani, come la Sala Studio e la J Room di Jerry Can, utilizzeranno invece ambienti disponibili nell’ambito del Teatro Bismantova: la sala studio in quelli che erano i locali del Caffè del Teatro, la J Room in alcune stanze al piano superiore. Quando avverrà invece il trasloco dell’Istituto Merulo, anche per questo sono stati individuati spazi adeguati nella struttura delle scuole di via Sozzi: in questo caso si tratta di un ritorno alle origini, visto che proprio in questo edificio, prima che venisse completato il Centro culturale polivalente, venivano svolte le lezioni di musica.

La nuova biblioteca sarà prevalentemente al primo piano ma la prerogativa principale delle nuove Officine della Creatività sarà la flessibilità determinata dalle mutevoli esigenze del servizio, con la possibilità di ricalibrare gli spazi con estrema semplicità da un piano all’altro e tra i piani. Il raddoppio della superficie della biblioteca permetterà di alleggerire la densità del patrimonio “a scaffale aperto” restituendo spazi più ariosi.

L’intervento su Palazzo Ducale durerà circa due anni. Oltre che per i servizi che ospita, si tratta di un cantiere interessante anche per il valore architettonico del complesso a corte, inserito nella storia e nello sviluppo urbanistico del paese e del quartiere di Bagnolo in cui si trova.

“La nostra intenzione – conclude Emanuele Ferrari – è quella di proseguire tutti i servizi mantenendone gli standard qualitativi elevati, anche se in locali temporanei. La collocazione della biblioteca in una scuola peraltro ci offre anche opportunità per immaginare ulteriori collaborazioni e attività dedicate agli studenti. Inoltre ritengo abbia un significato profondo anche la scelta di legare servizi molto utilizzati dai giovani al Teatro Bismantova: un’opportunità di scambi e incroci culturali che siamo convinti possa dare frutti importanti”.

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48