“Ventasso Insieme” sugli aumenti Tari e la mancata apertura dello Uit di Cervarezza

Riceviamo e pubblichiamo ____

A fronte di vari comuni della provincia di Reggio Emilia, che, come da notizie giornalistiche, hanno annunciato lo stanziamento di risorse del proprio bilancio per contenere gli aumenti e ridurre le tariffe Tari, il comune di Ventasso, nel consiglio comunale del 30 maggio scorso, ha annunciato l’aumento delle tariffe Tari dei cittadini.

Le tariffe in particolare, a detta dell’amministrazione, aumenteranno in media del 3% e dell’8% per le seconde case. Il riscontro peggiore però lo avranno le attività economiche, già molto appesantite dalla tariffa.

In sede di consiglio è stato fatto l’esempio delle attività economiche, che in media lo scorso anno pagavano circa 500 euro (grazie in particolare al contributo dello Stato, oltre che da un contributo del comune) e quest’anno si troveranno a pagare oltre 1.000 euro.

L’amministrazione precedente riconosce che già gli scorsi anni, aldilà dell’emergenza Covid, le tariffe Iren sono sempre aumentate ma, nonostante ciò, erano sempre state coperte da stanziamento di risorse dal bilancio comunale che, grazie alla fusione, risultava maggiormente capiente rispetto ai comuni limitrofi e permetteva dette manovre di bilancio, che mantenevano inalterato il costo ai cittadini.

L’amministrazione Ferretti si è impegnata in ogni caso a verificare l’eventuale possibilità di ridurre gli aumenti stanziando risorse dal proprio bilancio.

Ci auguriamo che rispettino questa posizione, anche e soprattutto in riferimento alle utenze commerciali che con l’emergenza Covid e gli attuali aumenti generalizzati stanno già facendo grossi sacrifici!

In aggiunta a ciò, vorremmo segnalare l’inerzia e la difficoltà dell’amministrazione che ad oggi (metà giugno) non ha ancora aperto l’ufficio Informazioni Turistiche di Cervarezza, essendo ancora la sua assegnazione bloccata da problemi e rallentamenti burocratici.

Ricordiamo che il bando della passata amministrazione scadeva ad inizio 2022 e vi era tutto il tempo per organizzare un’apertura già dalla primavera (come negli anni passati), mentre nella migliore delle ipotesi l’ufficio riuscirà ad aprire ad inizio luglio.

L’ufficio in questione negli anni passati era fondamentale per il supporto che forniva nel coordinamento degli eventi estivi sul territorio (di cui da parte dell’amministrazione ancora non si sa niente), per chi cercava case in affitto e/o vendita o voleva informazioni turistiche sul territorio.

 

Gruppo di minoranza "Ventasso Insieme", il capogruppo Antonio Manari

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Oltre a queste giuste segnalazioni vorrei aggiungere il fatto che , nonostante le promesse fatte lo scorso autunno dall’ amministrazione, i consigli comunali non sono ancora visibili alla cittadinanza in modalità videoregistrazione o streaming,
    per permettere maggiore trasparenza.
    Non credo sussistano problemi di natura tecnica poiché il canale Youtube del Comune di Ventasso è attivo e funzionante e contiene un video ,quello dell’ inaugurazione dell ufficio Europa.

    commento firmato

    Rispondi
  2. Credo che sia oltremodo importante e necessario che si faccia tutto ciò che è possibile per contenere al massimo gli aumenti della tari ( visti anche i cospicui aumenti di energia elettrica e carburanti) per non appesantire oltre misura i già precari bilanci delle aziende della montagna.
    Alessandro Zampolini.

    Alessandro Zampolini

    Rispondi
  3. Per Manari urge un intervento della Amministrazione per aiutare soprattutto commercianti, esercenti ecc.
    Sicuramente Ferretti certamente qualcosa per loro farà …poveretti devono pagare pure la tari…
    I tanti “sostegni ” ricevuti da queste categorie evidentemente non bastano ancora; i pensionati e i lavoratori dipendenti invece non necessitano di nulla, loro non hanno bisogno di sostegni : stipendi e pensioni sono inferiori a quelli di 30 anni fa, tanti sono caduti sotto la soglia di povertà ma non importa, anche se mangiano poco e male devono pagare imposte e tasse, per loro niente aiutini. Poi, quando vengono sonoramente trombati alle elezioni si mostrano stupiti,perplessi e non riescono a capire come mai la gente traditrice gli abbia voltato le spalle.

    FM

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48