Home Cronaca Rischio incendi: da oggi in Regione scatta l’allerta arancione

Rischio incendi: da oggi in Regione scatta l’allerta arancione

4
2

La grave siccità che colpisce il Paese e le temperature superiori alle medie stagionali, sia in pianura che in quota, hanno indotto la Regione a decretare lo stato di grave pericolosità per il rischio incendi boschivi sull’intero territorio regionale. Da oggi 2 luglio e fino al 28 agosto. La situazione verrà rivalutata ogni settimana. Per quanto riguarda i venti, le previsioni meteo prevedono che resteranno deboli, limitando l’indice di propagazione degli incendi.

Dallo scorso 25 giugno l'allerta era scattata già nelle province di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini.

Lo stato di grave pericolosità è frutto di una valutazione tecnica, a cui concorrono vari soggetti: il centro funzionale Arpae E-R, che analizza la situazione climatica e le previsioni meteo a medio termine (piogge e temperature attese, intensità della ventilazione); i Carabinieri Forestale, che valutano lo stato della vegetazione, e i Vigili del Fuoco, che si occupano dei dati relativi agli incendi effettivamente registrati (circa cento nell’ultima settimana).

Emanato dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, d’intesa con la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco e il Comando Regione Carabinieri Forestale, il provvedimento stabilisce il divieto assoluto di accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci, e vieta gli abbruciamenti di residui vegetali e stoppie.

Di conseguenza, anche nei parchi di proprietà della Provincia - quello di Roncolo a Quattro Castella e la Pinetina di Vezzano sul Crostolo – sarà vietato accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci. In particolare, al Parco di Roncolo il barbecue sarà consentito esclusivamente – e prestando la massima attenzione - alle 4 postazioni in muratura appositamente attrezzate, con divieto assoluto di introdurre griglie a carbonella o analoghi mezzi e strumenti per la produzione di fiamme.

All’aumento dei divieti stabilito dalla Regione, corrisponde un inasprimento delle misure di deterrenza: chi viola le norme o adotta comportamenti pericolosi potrà subire sanzioni fino a 10.000 euro. Sotto il profilo penale, è prevista la reclusione da 4 a 10 anni se l’incendio è doloso (provocato volontariamente); ma anche se l’atto risulta colposo (causato in maniera involontaria), per negligenza, imprudenza o imperizia, si può essere condannati a risarcire i danni.

In caso di avvistamento di un incendio boschivo, chiamare il numero 115 (Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco). Per la segnalazione di illeciti e di comportamenti a rischio: 1515 (emergenza ambientale dell’Arma dei carabinieri-specialità Forestale).

Da venerdì 1° luglio, presso la sede dell’Agenzia a Bologna, tutti i giorni compresi i festivi, dalle 8 alle 20, sarà attiva la Sala Operativa Unificata Permanente. Squadre dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri Forestali e del volontariato di Protezione civile saranno impegnate in attività di avvistamento, prevenzione, spegnimento incendi, e repressione delle violazioni.

 

Articolo precedenteAccogliamo il Signore che ci visita nelle nostre case
Articolo successivoContinua il servizio domenicale delle parrocchie dell’U.P. “Beata Vergine di Bismantova” alla Casa della Carità di Cagnola

2 Commenti

  1. Vi consiglio sopralluoghi alle Fonti di Poiano che tra fuochi,immondizia ovunque, velocità auto da falciare la gente e guardoni sembra terra di nessuno.
    Uno schifo.

    Alle

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.