Conservatorismo dei valori

Nel corso degli anni il conservatorismo ha visto  una pluralità di declinazioni, anche a seconda dei vari e differenti  contesti, come il vederlo definito illuminato, o sociale, ecc … ma nell’immaginario collettivo è stato convenzionalmente e solitamente  inteso quale “arroccamento” di taluni ceti sociali nel voler ostinatamente difendere e conservare vantaggi,  prerogative e privilegi, di natura soprattutto economica.

Il che ha non di rado prodotto frizioni e controversie  tra l’una e altra categoria  - anche con punte di astiosità - andatesi poi stemperando mano a mano che si sono ampliati  i confini del benessere reddituale,  così che  “l’oggetto del contendere” ha cominciato via via a spostarsi, pendendo  maggiormente verso il terreno  dei valori, unitamente a  tradizioni, usanze, comportamenti …, con annesse attese e prospettive.

Verrebbe da dire che le questioni materiali, pur sempre attuali e presenti, hanno via via ceduto spazio a quelle immateriali, con non pochi “conservatori” schierati e protesi  a “custodire” un sistema valoriale e identitario considerato a rischio di venir sopraffatto da permissivismi, comportamenti e contegni visti quali “disvalori” (e guardati invece da altri come  irrinunciabili conquiste della “modernità”, semmai da implementare)

Oggi hanno ripreso quota le preoccupazioni di tipo economico, basti pensare al “caro bollette”, ma più d’uno resta comunque convinto della esistenza di un contestuale “problema valori” -  ritenuto affatto secondario per una molteplicità di ragioni - valori che si vanno esaurendo, o già persi e che andrebbero per quanto possibile recuperati, mentre per altri si tratta invece di questione poco  irrilevante, se non inesistente.

Ognuno di noi è ovviamente libero di pensarla come crede, incluso pertanto chi opta anche per il “conservatorismo dei valori”, quale legittima  difesa del nostro patrimonio valoriale, alla stregua di chi punta a salvaguardare l’integrità ambientale o le vestigia del passato, ed è altresì naturale che tali “conservatori” cerchino tra corpi sociali e forze politiche chi può rappresentare le proprie tesi, e farsene nel contempo  paladino.

P.B.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48