Home Cronaca Voglia di “ieri” tra contraddizioni e “chimere”

Voglia di “ieri” tra contraddizioni e “chimere”

4
0

Riceviamo e pubblichiamo

____

In un articolo comparso  di recente su Redacon,  concernente  greggi e bestiame al pascolo,  è stato giustamente elogiato  l’allevamento ovino tradizionale   -  contrapposto idealmente ad altre tipologie di pastorizia   - ossia  quello  che veniva praticato da tempo immemorabile sul nostro crinale e dintorni, nella quasi totalità alla maniera  transumante, e del quale non si può che parlar bene, viste le sue tante positività, pur se non era esente da limiti e imperfezioni  come capita del resto per  moltissime cose di questo  pianeta.
Ogni  “rievocazione”  di quell’insieme  ancestrale è verosimilmente  destinata a far presa, vuoi perché siamo quasi sempre attratti dal passato, vuoi fors’anche perché nella pastorizia c’è qualcosa di  molto antico e financo di  “biblico”, posto che la figura di chi conduce il gregge  ricorre di sovente  nelle Sacre Scritture, anche in forma di metafora, ma in ogni caso di “rievocazione” si tratta, perché, a ben vedere,  quell’insieme  è in fondo tramontato, e mi pare illusorio parlarne come se il suo ritorno fosse “dietro l’angolo”.
Il pastore di un tempo spendeva la sua giornata vicino al gregge, eventualmente  alternandosi con un famigliare, ma l’impegno complessivo restava  comunque forte, trattandosi  per giunta e per solito di  pecore da latte, soggette dunque a quotidiana mungitura, oltre ad essere condotte al pascolo, e quel “sacrificio” e dedizione non hanno probabilmente trovato il meritato riconoscimento  all’interno della nostra società, fatto sta che, salvo poche eccezioni,  è andato via via esaurendosi il ricambio generazionale.
Posizioni altalenanti e “in bilico”
Per fare un parallelo, non molto tempo fa mi è capitato di assistere ad una rassegna fotografica che ritraeva  l’interno di vecchie case dell’Appennino, di poche pretese ancorché dignitose,  ormai non più abitate ma con gli arredi conservati, e l’autore delle foto diceva di aver provato non poca emozione nell’immaginare la vita che vi si conduceva, e anche più d’uno,  tra il pubblico, rimase piacevolmente colpito da questo “tuffo nel passato”,  ma non credo rinuncerebbe volentieri alle comodità delle moderne abitazioni.
Vediamo peraltro il largo ascolto conseguito dai racconti  inerenti agli anni  andati, salvo renderci poi conto che quel “mondo”, di cui subiamo il fascino, sarebbe oggi improponibile, una “chimera” o quasi, causa i cambiamenti intervenuti nel  “contesto”,  alla stregua di chi  vorrebbe dotarsi di riscaldamento a legna -  semmai ad integrazione di quello fornito da altre fonti energetiche  -  come un volta era di prassi comune, ma  molte odierne case non sono atte  ad installarvi  stufe (a parte le regole in materia divenute più restrittive)
Fino ad anni non lontani, in certe nostre località, quando  le giornate estive volgevano  all’imbrunire, faceva piacere imbattersi in gruppi di bovine rientranti dal pascolo a ciglio strada, ma non so quanti odierni automobilisti gradirebbero rallentare la corsa per tali presenze, così come gradire le uova del vicino ma protestare per il canto del gallo - alla stregua di chi lo fa per il suono campane - o amare le distese di grano mal sopportando però  lo stallatico sparso sui campi per fertilizzarli (tutte posizioni altalenanti o “in bilico”).
Per finire, non mancano di certo i sostenitori -  ed io tra loro -  a  chi plaude  modi e costumi  del passato, ma ho talora l’impressione che ve ne siano alcuni di questi andati irrimediabilmente perduti, e replicabili solo nei ricordi, non avendo saputo salvaguardarli, oppure che si voglia un ritorno allo “ieri”  ritagliato su  misura, ossia qualcosa di velleitario e irrealizzabile, e forse, per non fantasticare troppo e restare poi delusi,  sarebbe già un buon risultato il preservare intanto, quanto più possibile,  i valori ancora rimasti, sperando e contando altresì su chi vuol farsene paladino (se non vogliamo moltiplicare le nostre contraddizioni, talora anche simpatiche ma pure venate  di una qualche ipocrisia).
P.B.
Articolo precedenteCi ha lasciato Teresa Boni
Articolo successivoRadionova: domani in diretta telefonica con Iva Zanicchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.