Home Homepage Castelnovo “Paese per lo Sport”: festa in piazza per i ragazzi della...

Castelnovo “Paese per lo Sport”: festa in piazza per i ragazzi della Fidal

12
0

Una bella serata in piazza, con tanti ragazzi e ragazze che in questi giorni stanno scoprendo Castelnovo e l’Appennino: ieri in piazza Martiri della Libertà, presso l’Antico Bar Magnani, si è svolto un momento di saluto ad atleti e tecnici che in questi giorni sono coinvolti nel raduno tecnico della Fidal Emilia-Romagna. Un evento che coinvolge 310 persone, tra atleti e tecnici, rappresentanti di 48 società di tutte le province della Regione.La serata è stata promossa dalla società Atletica Castelnovo ne' Monti e dall’Amministrazione comunale, e ha visto saluti ed interventi di amministratori, tecnici e atleti.

Enrico Bini

Un saluto e un ringraziamento lo ha portato il Sindaco Enrico Bini, che ha sottolineato “l’importanza che appuntamenti come questo raduno stanno assumendo sempre più per Castelnovo e per tutto l’Appennino: ci permettono di ospitare tante persone, tanti giovani, far loro conoscere questo territorio, le sue eccellenze, la comunità, e ovviamente l’impiantistica sportiva, su cui abbiamo condotto importanti investimenti: ad esempio la rinnovata pista di atletica del Centro Coni e la nuova postazione per i lanci, che questi ragazzi stanno utilizzando in questi giorni. Continueremo in questa direzione, grazie anche al sostegno della Regione che resta costante e fondamentale, perché Castelnovo sia sempre più un Paese per lo Sport”.

Federico Menozzi

L’importanza della dotazione impiantistica castelnovese è stata confermata anche da Federico Menozzi, fiduciario del settore tecnico Fidal regionale e responsabile del raduno: “Avere la pista rinnovata è fondamentale perché permette ai ragazzi di allenarsi su una superficie ammortizzata, che non stressa la loro muscolatura prevenendo gli infortuni, e la postazione dei lanci è irrinunciabile per un raduno come questo che coinvolge tutte le discipline dell’atletica leggera: velocita, corsa ostacoli, mezzofondo, i salti, i lanci, la marcia e le prove multiple. Poi ci sono le occasioni di compiere escursioni e allenamenti in altre zone dell’Appennino, ad esempio alle Fonti di Poiano o salendo sulla Pietra di Bismantova. Per questo qui ci troviamo sempre così bene”.

Alberto Morini

Concetto ribadito anche dal Presidente della Fidal Emilia-Romagna, Alberto Morini: “Questi raduni hanno una grande importanza, permettono ai ragazzi di confrontarsi con altri atleti coetanei di tutta la Regione e con tanti tecnici e allenatori, di crescere e migliorare. Siamo in un momento molto positivo per il movimento dell’atletica leggera a livello nazionale, con risultati straordinari arrivati dalle Olimpiadi, poi i Mondiali e gli Europei: questi risultati si riflettono anche sui giovanissimi che si avvicinano al nostro sport”.

 

Sono state poi le voci di alcuni giovani atleti ad evidenziare il loro “stare bene” a Castelnovo e al Centro Coni: ne hanno parlato Alessandro Ori (La Fratellanza Modena), nazionale under 23 e campione italiano under 23 nei 200m, Luca Marsicovetere (Libertà Atl. Forlì), campione europeo under 18 con la staffetta 4x400, campione italiano under 18 nei 400m, Alex Fabbri (Pontevecchio Bologna), nazionale under 20 nel salto triplo e Laura Elena Rami (Cus Bologna), nazionale under 18 e campionessa italiana under 20 nei 400m. Ai giovani campioni è stato fatto omaggio di una stampa della Pietra di Bismantova, da un’opera dell’incisore Ugo Viappiani.
I fisioterapisti Filippo Campioli e Alberto Donati, e il tecnico “decano” Giuliano Corradi hanno invece illustrato l’importanza di questi raduni per la condivisione di competenze e la formazione dei tecnici, e il lavoro che viene fatto con i ragazzi per prevenire o recuperare dagli infortuni.

In chiusura, salutando e ringraziando di nuovo i partecipanti, Maria Azzolini dell’Atletica Castelnovo ne’ Monti ha dato l’appuntamento al centro Coni a settembre per un altro evento straordinario: i campionati nazionali di atletica del CSI.

Articolo precedenteElda racconta: Ieri
Articolo successivoGazzolo, a rischio di crollo la casa dei Templari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.