Home Cronaca Ciano d’ Enza ricorda i giovani fucilati il 26 gennaio 1945

Ciano d’ Enza ricorda i giovani fucilati il 26 gennaio 1945

280
0

Si  svolgerà il 26 gennaio al Cippo dei Caduti in Via Martiri – Bosco dell’Impero, alla presenza delle autorità, delle scuole di Canossa e delle associazioni, la commemorazione del 78° Anniversario della fucilazione a Ciano d'Enza.

La comunità  ricorda il sacrificio dei sei giovani fucilati il 26 gennaio 1945: Sergio Beretti di Reggio Emilia (Medaglia Argento al Valor Militare); Domenico Bondi di Villa; Minozzo (Medaglia Oro al V.M.), Carabiniere, a cui è stata intitolata la Caserma di S. Polo d’Enza; Fausto Burani di San Polo d’Enza (Partigiano); Carlo Pignedoli di Carpineti (Partigiano); Aronne Simonini di Castelfranco Emilia (M.A. al V.M.); Giorgio Trenti di Castelvetro (Partigiano).

Il sindaco di Canossa, Luca Bolondi spiega: "La nostra zona fu luogo di scontro tra nazifascisti e partigiani presenti nell’Appenninoreggiano e parmense, e che a Ciano d’Enza aveva sede un reparto antiguerriglia formato da militari tedeschi e militari fascisti. Non solo; Ciano era diventato addirittura un luogo di carcerazione e in questo bosco, nel gennaio del 1945, vennero fucilati i giovani che oggi ricordiamo”.

Come viene specificato nel testo “Ciano per la Libertà 1859-1945" – “... i massacri venivano solitamente compiuti poco più su del paese, sulla strada verso Rossena. Un testimone, vide casualmente l'eccidio del 26 gennaio 1945. A Reggio Democratica fu dichiarato che, verso le 18.00, un gruppo di persone armate, conducevano in direzione di Rossena 6 partigiani. La neve era alta, i nazisti spingevano a forza i prigionieri con i calci dei “mauser”. Uno cadde e si rialzò a fatica. Misero in fila i 6 partigiani e li fulminarono con un colpo ciascuno..."

All’incontro sono attesi anche gli alunni della classe quarta e quinta - scuola primaria “Fernando Casoli” di Monchio, le classi quinte - Scuola Primaria “Matilde di Canossa” e le classi terze della Scuola Secondaria di I° grado “Gregorio VII” di Ciano d’Enza che ricorderanno questo terribile fatto storico attraverso canti e letture.

Articolo precedenteCi ha lasciato Giulia Cecchetti
Articolo successivoLa Polizia locale dell’Unione Appennino celebra il santo patrono

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.