Home Società Anche l’Arcuri a Morsiano per festeggiare i 95 anni di Chesi

Anche l’Arcuri a Morsiano per festeggiare i 95 anni di Chesi

4766
0
Manuela Arcuri tra gli invitati per i 95 di Giuseppe Chesi

C’era anche Manuela Arcuri tra i numerosi invitati che domenica scorsa si sono ritrovati a Morsiano per festeggiare i 95 anni di Giuseppe Chesi. Nonostante la tragedia consumatasi nei giorni scorsi propio nella stessa frazione in comune di Villa Minozzo, i parenti e gli amici del 95enne non hanno voluto rinunciare a celebrare la vita, venendo appositamente chi dalla Toscana, Milano, Treviso e anche da Roma, per mostrare il loro affetto e stima e fare gli auguri di persona a Giuseppe, gran lavoratore, umile, generoso e benvoluto da tutti. 

Giuseppe Chesi, Francesco Chesi e Manuela Arcuri

In una sessantina, tra cui anche il sindaco di Villa Minozzo, Elio Ivo Sassi, e la nota attrice, amica del figlio di Chesi - la quale martedì sera poi ha fatto uno spettacolo per Radio Bruno a Reggio Emilia -, si sono ritrovati preso la struttura della Pro loco per celebrare l’importante traguardo.

Con i suoi 95 anni, Giuseppe, che finora ha sempre goduto di buona salute ed è ancora in gamba, è il terzo più anziano del paese, dopo Claudio Bondi, 102 anni, ex-sindaco, ora ricoverato presso una struttura, e Vittoria Campi, 96, che vive a casa con le nipoti.

Nato il 21 giugno del 1929 a Morsiano da Francesco e Francesca Manfredi, entrambi del luogo, aveva un fratello e tre sorelle. Finite le elementari, ha sempre fatto il contadino fino alla pensione, negli anni ’90, continuando però a lavorare anche dopo. All’inizio degli anni ’50 si era sposato con Adele Rossi, e avevano avuto quattro figli: Paolo, scomparso prematuramente a soli due anni a causa di una malattia, Donatella e Paola, che vivono a Morsiano, e Francesco, che vive e lavora a Milano. Le sue passioni, oltre al lavoro, sono l’orto, i funghi e il tartufo. “Continua a fare l’orto anche adesso - raccontano i figli -, e porta qualcosa a tutti, anche ai villeggianti. Da poco ha preso un cane da tartufo, un cucciolo, perché l’altro era morto, e lo sta addestrando”.