I comuni di Busana, Collagna, Ligonchio e Ramiseto arrivano al capolinea

Dopodomani cesseranno di esistere i quattro enti pubblici del nostro Appennino. La situazione regionale e i prossimi comuni che forse sceglieranno la medesima strada. Dal 1° gennaio 2016 il numero dei comuni in Emilia-Romagna scende a 334 (-14 dal gennaio 2013, quando erano 348)

Comune di Ventasso, via libera dalla Regione Emilia-Romagna

Da parte della commissione interessata. E’ l’ultima tappa prima dell’approdo dell’iter in aula

“Dopo la vittoria dei sì ora abbiamo davanti il compito di ricreare migliori condizioni di vita in montagna”

Nota del Partito democratico dei quattro comuni di Busana, Ligonchio, Ramiseto e Collagna che hanno deciso di diventare il Supercomune di Ventasso

A fusione fatta, ecco il “programma” di Claudio. Entro l’estate la Regione istituirà il nuovo ente

“Vorrei anzitutto esprimere rispetto per quanti non hanno condiviso la prospettiva della fusione dei quattro comuni del crinale. In particolare a quei non pochi di Ramiseto e di Ligonchio”. Una riflessione di Claudio Bucci. Il presidente della Provincia Manghi: “Benvenuto Comune di Ventasso!”. Il Pd: “Una pagina straordinaria”. Il M5S: “Gioiamo per il risultato”. Sel: “Una nuova stagione per la montagna”

Fusione comuni / Al voto il 62,23%. Vittoria dei sì. Nasce il Comune di Ventasso

I primi dati sull’affluenza, forniti dalla Regione Emilia-Romagna pochi minuti fa. A Ligonchio la maggior percentuale di partecipanti al voto: circa il 69%. Dalle prime notizie sembra abbia prevalso il sì. AGGIORNAMENTI SUCCESSIVI – A Collagna i sì all’81,20%. A Ligonchio, pur affermandosi i fautori della fusione, gli assensi si fermano al 53,70; a Ramiseto percentuale simile di sì: 54,70. Busana “batte tutti” coll’89,61%

Il Comitato per il no di Ramiseto ha concluso gli incontri pubblici

Ultimo appello da Ramiseto

Il M5S dice sì alla fusione dei comuni del crinale

Anche il movimento grillino prende posizione e illustra il suo progetto di legge per i piccoli comuni

Giacomo Notari e il dr. Antonio Manari sono per il sì alla fusione

Due personalità eccellenti del territorio ci mettono la faccia

“Fusione sì, tagli sul personale no”. L’intervento della Cisl sulla fusione dei comuni

Il 31 maggio si vota, ma per i sindacalisti “è necessario mantenere un presidio di territori per i servizi e che sia alta l’attenzione dei lavoratori coinvolti”

Referendum fusione comuni del crinale: le ragioni del Comitato per il sì

Il Comitato per il sì “Amici della fusione”, costituito tra i quattro comuni interessati al referendum di domenica 31 maggio, esplicita le sue ragioni

Appello a favore del nome Vallisneri

Referendum del 31 maggio per la fusione dei comuni di Busana, Collagna, Ligonchio e Ramiseto e per la denominazione del nuovo (eventuale) ente

“Fusione: soppesiamo bene i pro e i contro”

“Quanto scrive ora il Comitato ‘No fusione’ mi dà lo spunto per un’ulteriore riflessione”, dice Robertino Ugolotti

Fusione dei comuni / La Cgil: “Un’occasione importante”

Intervento del sindacato in merito alla consultazione della prossima domenica 31 maggio

Ligonchio / Il neocostituito Comitato “No alla fusione”: “Ecco i nostri motivi”. AGGIORNAMENTO – Comitato per il no anche a Ramiseto

Una serie di incontri programmati al fine di convincere i cittadini ligonchiesi a votare no al “supercomune”

Oltre crinale i comuni si fondono

E’ accaduto in Garfagnana, in quel di Giuncugnano (che fa parte del Parco nazionale) e Sillano, che si sono recati al voto nei giorni scorsi

Fusione, avviato il progetto di legge in Regione

Interessati, come noto, i quattro comuni di Busana, Collagna, Ligonchio e Ramiseto

“Perché sì alla fusione dei nostri comuni”. Il pensiero di Claudio Bucci

“…i bambini di Ramiseto, Busana, Collagna e Ligonchio quando si trovano assieme… stanno benissimo assieme senza problemi, mi pare si sentano già parte di una stessa realtà”

C’è chi dice no

Fusione dei 4 comuni montani Busana, Ramiseto, Ligonchio e Collagna. “Da qui al referendum ne vedremo delle belle sull’Appennino. Per convincere la gente a sostenere questa fusione verrà istituita una campagna pubblicitaria alla ‘Berlusconi’, estesa e convincente, che coinvolgerà persino i ragazzi delle scuole; tutto questo utilizzando soldi pubblici”. L’opinione di Lino Franzini

Powered by WordPress | Officina48