Sorpresa: ecco il pane di Matilde. E’ tempo d’estate

BERGOGNO (Casina, Reggio Emilia, 16 giugno 2011) – Riflettori puntati sulla seconda edizione della manifestazione “Il pane di Matilde”. La tre giorni decollerà venerdì 17 giugno a Bergogno di Casina, all’insegna della storia, dello spettacolo e della gastronomia tipica. E il protagonista sarà proprio questo “pane ritrovato” ottenuto con la farina ricavata dalla macinazione di un particolare tipo di grano antico che il contoterzista Maurizio Fontanili ha ritrovato girando l’Appennino con le sue mietitrebbie.

L’iniziativa, organizzata dall’Associazione “Bergogno Medievale”, si svolge in collaborazione con il Circolo Culturale “Donizone da Canossa”, la partecipazione del Con.vA (Consorzio per la valorizzazione dei prodotti dell’Appennino) e di altre associazioni di volontariato e gruppi storici. La manifestazione si avvale inoltre della collaborazione dell’Istituto Comprensivo “G. Gregori” di Casina, con la presenza di manufatti che si richiamano all’Ars Canusina, prodotti dagli studenti sotto la guida della professoressa Sandra Giberti. È stata inoltre realizzata per l’occasione una pubblicazione illustrata sulla storia e le gesta di Matilde di Canossa.

Si inizierà venerdì 17 giugno alle ore 20.30 presso il ristorante “Borgo Antico” con il tradizionale Convivio storico, che avrà come tema “Interventi di restauro architettonico nei borghi storici” a cura dell’architetto Paolo Soragni. Condurrà la serata il giornalista Gabriele Arlotti. Al termine del convivio sarà offerto un rinfresco dall’Associazione “Bergogno Medievale”.

Nella mattina di sabato 18 giugno, previa prenotazione al numero 347.6912689, gli interessati potranno effettuare una passeggiata storico-ambientale nel circondario di Bergogno e Canossa, organizzata dal Cai di Reggio Emilia, con la guida di Eva Barbieri. A conclusione, per i partecipanti iscritti, sarà possibile pranzare nei pressi dell’antico voltone restaurato.

Sabato sera, dalle ore 19.00, nell’antica Corte Barbieri, si potrà assistere al concerto del quartetto d’archi “Premio Borciani”selezionato al “Concorso Borciani”. A seguire sarà offerto dall’Associazione “Bergogno Medievale” un aperitivo a base di ippocrasso, una specie di vermouth aromatizzato, un brulè freddo, molto in voga nel Medioevo. Pare che la sua scoperta si debba attribuire al medico greco Ippocrate. La bevanda tonificante è stata copiata poi dai Romani che la perfezionarono arricchendola delle foglie aromatiche di timo, rosmarino e mirto.
Si potranno quindi degustare piatti della cucina tipica presso il Ristorante “Borgo Antico, tra i quali la singolare insalata canusina, grazie alle esperte di ristorazione tipica Rita e Lucia Barbieri (prenotazione obbligatoria al numero 335.5782067).

Negli splendidi costumi dell’epoca si potranno ammirare la Grancontessa Matilde di Canossa, impersonata dall’attrice Elisa Montruccoli, e il suo seguito, nella tavolata storica allestita sotto la pergola, alla presenza di dame, cavalieri, monaci, armigeri, giullare (Gianmarco Bertolini), i musicanti e i popolani (in gran parte impersonati dagli abitanti di Bergogno che per l’occasione presenteranno anche alcuni stendardi delle locali casate). Le particolari “Atmosfere nel borgo”, create appositamente, faranno rivivere allo spettatore e al visitatore di passaggio le suggestioni tipiche della vita nel borgo canossiano, ancora ben conservato e in parte restaurato.

Ma il clou della tre giorni di Bergogno si toccherà nel pomeriggio di domenica 19 giugno. Con inizio alle ore 15, si potrà rivivere nel piccolo borgo l’atmosfera tipica di un giorno di festa d’epoca medievale. Figuranti in costume animeranno i diversi quadri storici con la dimostrazione degli antichi mestieri. Il mercato medioevale proporrà i prodotti tipici della nostra tradizione locale: dal formadio, al savurètt, al pane di Matilde.

Sempre nel pomeriggio di domenica giungeranno ad aprire il corteo storico del borgo di Bergogno gli Sbandieratori del Gruppo Storico di Fornovo sul Taro (PR) e i Falconieri in costume dell’Associazione Borgo Castello di Savignano sul Panaro. Sarà inoltre allestito uno spazio bambini animato da giullare.
La direzione artistica della tre giorni medievale è stata affidata alla regia di Ubaldo Montruccoli e alla segreteria di produzione di Gabriella Schiatti. Ancora una volta l’antico borgo medievale di Bergogno rimane fedele al suo motto: “Saper & Sapori” per la condivisione di tutti quelli che vorranno partecipare.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare i numeri: 335.5782067, 3355387383

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48