Attenti al lupo di Bondolo

Ci scrive un lettore, Daniele M., di Castelnovo, allegandoci una foto (un po’ sfocata per la verità, la vediamo qui sotto) scattata ieri sera nei pressi della località Torretta di Bondolo. “Mentre transitavo in auto la strada provinciale 108, ho avvistato un branco di lupi (n°5 ) che, in corsa, hanno attraversato la strada. Ho fotografato le loro impronte  lasciate sulla neve. Per eventuali chiarimenti chiamare il…”

Nelle settimana scorse leggemmo di quel cacciatore che  raccontava d’essere stato aggredito dal lupo dopo essere sceso dall’auto per  (!?) “seguire tracce di animale”: la sorte ha voluto che mentre ‘fiutava’ le tracce il cacciatore avesse con se una pala e, quindi, così si difendeva dal pericoloso animale.

Ebbene il lupo, che tanto ci spaventa nel suo essere carnivoro, è ormai una presenza consolidata del nostro Appennino, ma anche in pianura dove avvistamenti, investimenti e razzie tra animali da cortile sono, purtroppo, abbastanza frequenti. Si tratta, ora, di trovare un giusto equilibrio tra il diritto alla biodiversità e il diritto a svolgere le attività dell’uomo, anche se questo dovrà inevitabilmente comportare qualche nostro cambiamento (ad esempio nel non lasciare più i cani fuori alla catena, o utilizzare recinti adeguati…). Senza coltivare la presunzione, però, di essere gli unici carnivori (noi uomini) a potere scorrazzare qui e là. Nessun allarme, ma solo molta attenzione in più.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48