Home Cronaca Ligonchio, sul “caso-Fontanaccio” anche la Lega Nord interroga

Ligonchio, sul “caso-Fontanaccio” anche la Lega Nord interroga

0
0

Il consigliere provinciale della Lega Nord per l'indipendenza della Padania, Angelo Alessandri, ha presentato una interrogazione a risposta scritta sul recinto ed il capanno realizzati nel 1987 dalla Provincia in località Fontanaccio di Ligonchio per l'ambientamento e l'immissione dei cervi nell'oasi di protezione val d'Ozola.
Dopo aver ricordato che tale intervento "venne autorizzato dal Consiglio provinciale per una spesa complessiva di 65 milioni di lire e che il Comune di Ligonchio ne chiese la rimozione al termine del progetto trovandosi in zona soggetta a vincolo paesaggistico", l'esponente leghista afferma che "nel 2001 la Provincia procedette alla ristrutturazione del capanno trasformandolo in un rifugio per una spesa complessiva superiore ai 20 milioni di lire", dichiarando a mezzo stampa che l'opera era dovuta "a causa della vetustà della struttura" e che "erano stati eseguiti semplici lavori di sistemazione per impedirne l'ulteriore deterioramento e consentirne un possibile utilizzo quale deposito attrezzi o rifugio in caso di necessità per i vigili provinciali nell'espletamento delle proprie funzioni".

Alessandri interroga quindi la presidente della Provincia per sapere "perché è stato ristrutturato un edificio che era da rimuovere per di più senza alcuna autorizzazione o concessione del Comune di Ligonchio o del Parco regionale del Gigante e conseguentemente in palese violazione di ogni norma edificatoria conosciuta o piano urbanistico di qualunque genere, di livello comunale, sovra-comunale, provinciale o regionale che sia", sottolineando anche "che la polizia provinciale non detiene alcun potere di vigilanza sulla zona, che essendo Parco nazionale è di competenza del Corpo forestale dello Stato, a norma dell'art.10 del DPR 21/05/01".

Il consigliere della Lega Nord chiede inoltre di sapere "chi detiene le chiavi di accesso alla struttura e a quale titolo; chi e perché dal Servizio Ambiente ha richiesto la posizione in oggetto dal Servizio Caccia e pesca, chi materialmente ha consegnato il faldone, se l'attuale giunta o membri della medesima erano a conoscenza di questo stato di cose e, in caso affermativo, quali azioni hanno attivato a tutela dell'Ente".

Articolo precedenteReggio, mostra fotografica di Ermanno Foroni
Articolo successivoRASSEGNA STAMPA WEB / Sabato 12 novembre 2005. L’Appennino reggiano sugli organi di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.