Home Cultura Bismantova, mercoledì 1 febbraio “Odissee”

Bismantova, mercoledì 1 febbraio “Odissee”

2
0

Mercoledì 1 febbraio sarà di scena, per la stagione teatrale del Bismantova, la compagnia Teatro delle Acque con "Odissee", di Gian Antonio Stella, per la regia di Gualtiero Bertelli.
Per i non abbonati l'ingresso è di 13 euro.

Info: tel. 0522 611876 (10,30-12,30 da lunedì a venerdì); 0522 614078 (nelle serate di apertura: 21,00-22,30); 333 8783701 (10,30-12,30 da lunedì a sabato); posta elettronica: teatrobismantova@libero.it.

* * *

"Odissee" è il titolo che lo scrittore e noto giornalista Gian Antonio Stella ha scelto nel 2004 per il suo romanzo in cui tratteggiava, con estrema lucidità, i caratteri più crudi e cupi della drammatica esperienza dei viaggi degli emigranti italiani oltreoceano tra la fine dell'800 e l'inizio del 900, viaggi fatti di avventure, grandi sogni ma anche di tragedie e di amare disillusioni.

Approda il 1° febbraio al teatro Bismantova "La compagnia delle Acque" che, con il cantautore Gualtiero Bertelli, presenterà lo spettacolo omonimo. Ispirato al libro di Stella, lo spettacolo è fatto di narrazione, immagini, musiche e canti scelti e ricostruiti con un lungo lavoro di ricerca che hanno segnato e caratterizzato il fenomeno storico dell'emigrazione italiana. Con l'aiuto di proiezioni di foto in larga parte inedite, Stella interpreta i timori e le speranze tra gli emigranti e racconta dell'oceano, di quella spaventosa barriera che sembrava separare la miseria dei nostri nonni dal benessere e dalla ricchezza della "Merica" e che inghiottì migliaia di disperati in apocalittici naufragi.

"Pensate la desolazione, lo sconforto di quella povera gente in cerca di sogni, con ormai niente più nelle loro mani, dopo aver venduto anche l'anima per acquistare un biglietto di sola andata verso la rovina".

Il vicentino Stella, editorialista e inviato di politica, economia e costume per il "Corriere della Sera", è stato vincitore di diversi premi giornalistici e ha scritto svariati libri su tematiche come la xenofobia e il razzismo anti-italiano cui sono stati a lungo sottoposti i nostri emigranti. Insieme all'eclettico giornalista veneto che si propone nelle vesti del "cantastorie" capace di avvincere le platee più varie, si esibisce la Compagnia delle Acque che si è ormai affermata come uno dei gruppi italiani più raffinati nel campo della musica popolare.
Un'occasione da non perdere per meglio capire l'emigrazione di oggi, le "nostre" e le "loro" difficoltà!

(Normanna Albertini)

Articolo precedenteBusana: “Un bilancio di previsione senza scelte”
Articolo successivoSe il medico è depresso mandiamolo a meditare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.