Castelnovo, sparano a cane alla catena

Episodio tutt'altro che edificante accaduto nei pressi di Monteduro, frazione a pochi chilometri da Castelnovo posta lungo la statale 63 in direzione Cerreto.

Spiega Umberto Gianferrari: "Mi hanno riferito che, vicino a Monteduro, qualcuno avrebbe sparato ad un cane, legato alla catena; addirittura non uno, ma più colpi di fucile".

Perchè? "Pare, che nei pressi, vi fosse una cagnolina in calore e il nostro Pluto lamentava il fatto di non poterla raggiungere... ".

Chiaro, abbaiare stanca (chi ascolta), ma da qui ad imbracciare un'arma da fuoco ce ne corre parecchio.

Come commenta sempre Gianferrari: "C'è modo e modo di far valere il proprio diritto alla quiete, non credete?".

Mentre l'animale è stato trasferito nell'ambulatorio della veterinaria dott.ssa Loretta Boni (che, sentita, ci ha dichiarato: "Sta meglio"), dell'episodio sono stati informati i carabinieri di Castelnovo.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Con le armi non si scherza
    Con le armi non si scherza. Chi non segue le regole, che comunque non garantiscono alcuna sicurezza, va punito.

    A giugno un pazzo ha sparato a mio fratello, scambiandolo (dice) per un cinghiale, lasciandolo per 11 giorni in prognosi riservata e con 150 pallini conficcati a vita in profondità nella schiena.

    Quando una persona è ferita gravemente (o peggio, uccisa) da un cacciatore che non ha rispettato una regola o da un ex cacciatore non più sottoposto agli esami per il porto d’armi, tutti i discorsi sulla necessità della caccia, sulla buona regolamentazione, sui diritti della gente di armarsi, perdono senso.

    La vicenda è finita su tutti i giornali, ma sembra non stia servendo per evitare altri fatti simili. Mi farebbe piacere raccontarvi nel dettaglio quanto accaduto e quanto sta ancora accadendo (e si, quest’uomo è di nuovo libero e sta continuando a minacciarci… ).

    (Daniele Maggi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48