Home Cultura Zamboni e le macerie

Zamboni e le macerie

1
0

Nuovo spettacolo della stagione artistica del teatro Bismantova, che si sta rivelando sempre più interessante e partecipata.
Dopo l'applauditissima Antonella Ruggiero è la volta di Massimo Zamboni, musicista-asssessore alla cultura di Carpineti, che proporrà, in occasione della vicina data (27 gennaio) di celebrazione della Giornata della Memoria, il suo "Cronache dalle macerie - Il mio primo dopoguerra".

* * *

Interpreti: MASSIMO ZAMBONI; Narrazione: MASSIMO ZAMBONI; Canto: MARINA PARENTE; Proiezioni filmate: MARCO BONILAURI.

Berlino. Beirut. Mostar. Praticare i dopoguerra altrui. E scardinare quel nostro senso di governare il vertice della piramide. Iniziare così quel processo di smantellamento che ci farà più simili al mondo. L’oblio serve la vita; la lascia proseguire. La memoria serve la storia. La memoria è dedicata all’attimo. L’oblio al tempo. Le cronache di questo viaggio indagano macerie, distanze geografiche che nascondono uomini, ragioni assopite, mugolanti e feroci in potenza. E forse la Storia. Non solo non è maestra di vita. Ma neppure bidella. “So che in guerra non è consentito dubitare. Solo certezze grasse, grezze e verità sterili. Sia lode al dubbio, gracile e fecondo.

Inizio ore 21.
Prezzo per i non abbonati: € 12,00.

Articolo precedenteBuon cinema e buona tavola a Felina
Articolo successivoKenia / Forum sociale mondiale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.