Home Economia La buona notizia / Risparmiare fino al 20% delle spese fisse irrigue

La buona notizia / Risparmiare fino al 20% delle spese fisse irrigue

1
0

“Un risparmio fino al 20% delle spese fisse irrigue, riservato agli agricoltori che ci aiutano nella gestione e nell’accumulo del bene prezioso acqua”. La buona notizia è quella che porta Marino Zani, presidente del Consorzio di Bonifica Parmigiana Moglia Secchia, nel presentare i benefici di cui potranno usufruire le aziende che attueranno la scelta di dotarsi di invasi aziendali, pozzi e sistemi irrigui a basso consumo.

La decisione, deliberata dal consiglio del consorzio prevede, appunto, agevolazioni tariffarie in osservanza a quanto previsto dal Piano di Classifica, lo strumento consortile che stabilisce quale è il contributo di bonifica in base al beneficio che si riceve.

“L’obiettivo che stiamo perseguendo è quello del risparmio idrico – spiega Salvatore Vera, direttore – pertanto vogliamo incentivare sistemi anche aziendali di accumulo delle preziose acque e, altresì sistemi di irrigazione a basso consumo”.

L’area di riferimento del Consorzio di Bonifica Parmigiana Moglia Secchia è a cavallo delle province di Modena e Reggio, dall’Appennino a Po: come potranno gli agricoltori di questo territorio usufruire di questo risparmio?
“Chi irriga attualmente paga una quota variabile (proporzionale all’acqua utilizzata) e una quota fissa (in relazione ad esempio alla dotazione e disponibilità di acqua e alla vicinanza ai canali di bonifica). Abbiamo deciso di offrire agli agricoltori la possibilità di abbattere in misura massima del 20% proprio la quota fissa.

Potranno ottenere questo risparmio gli agricoltori dotati di invasi e/o pozzi, capaci di consentire un accumulo idoneo all’esecuzione di almeno un’irrigazione sulla superficie interessata. L’invaso dovrà pertanto avere un volume di almeno 200 metri cubi (riferito ad ogni ettaro di superficie aziendale), che è pure la quantità di acqua che i pozzi dovranno sostenere nel turno irriguo.

Sia pozzi che invasi dovranno essere stati regolarmente autorizzati dalle autorità competenti. L’irrigazione, dovrà avvenire con sistemi a basso consumo (es. a goccia o a pioggia…). Attenzione: per usufruire dell’abbattimento del costo di bonifica a partire dal 2008 occorrerà fare domanda scritta al consorzio di Bonifica Parmigiana Moglia Secchia entro il 31 luglio 2007, indicando:
• il piano colturale (colture irrigate e superfici con indicazione dei dati catastali);
• il volume d’acqua accumulabile nell’invaso o portata del pozzo;
• il tipo di impianto irriguo utilizzato;
• l’autorizzazione dell’invaso o del pozzo”.
Le domande dovranno essere indirizzate a Consorzio della Bonifica Parmigiana Moglia Secchia, corso Garibaldi 42, 42100 Reggio Emilia. Informazioni al numero verde gratuito 800-501999.