Home Cronaca Scomparso anche Mons. Guido Agosti

Scomparso anche Mons. Guido Agosti

3
1

A pochi giorni di distanza di don Giorgio Gualtieri, stamane è deceduto improvvisamente nella sua abitazione Mons. Guido Agosti, canonico penitenziere della cattedrale reggiana e già responsabile dell'archivio diocesano. Aveva 81 anni. Di seguito pubblichiamo un breve profilo curato da Giuseppe Giovanelli e Mons. Giovanni Costi.

-----

La scomparsa improvvisa di Mons. Agosti, mentre priva la Diocesi di un sacerdote buono e fedele, che anche negli ultimi incontri ha saputo trasmetterci la gioia ancor tutta giovanile della sua vocazione, lascia un grande vuoto tra i ricercatori del Centro diocasano di studi storici. La storia – e quella della Chiesa in particolare – ha segnato la sua vita di studioso, collocandolo a pieno diritto tra i maggiori esponenti che, negli ultimi cento anni, si sono applicati a questo delicato campo degli studi.
Di Mons. Agosti dobbiamo attestare l’entusiasmo con il quale aveva accolto il progetto di storia della Chiesa reggiana, la competenza con la quale aveva iniziato a lavorare su uno dei periodi più difficili per ogni ricercatore, quello dell’arrivo del Vangelo nella nostra terra e del primo costituirsi delle strutture diocesane, con una attenzione tutta particolare al tema di S. Prospero e, in genere, dei santi reggiani che hanno tracciato l’impronta identitaria della nostra Chiesa.
Siamo certi che il Suo operato di storico e la passione con cui lo ha svolto saranno guida disciplinare ed esempio trainante per altri ricercatori.

Articolo precedenteUn panettone al bivio
Articolo successivoAppennino / Strade fisiche o virtuali, pari sono

1 commento


  1. Sono profondamente addolorato per la scomparsa di mons. Guido Agosti, figura preminente del clero reggiano. Un sacerdote dall’animo buono, grande conoscitore della storia della chiesa reggiana e non solo. La repentina scomparsa lo ha premiato per il grande bene che voluto agli altri e anche per il grande insegnamemto che ha elargito. Io gli ero particolarmente affezionato, mi aveva insegnato tante cose e poi mi aveva aiutato aprendomi le porte dell’archivio del seminario di Marola (ora ubicato presso il seminario vescovile), dove ho potuto, sotto la sua assistenza, scoprire tante notizie che mi sono servite per la stesura del mio romanzo. Grazie Mons. Agosti.

    (Domenico Amidati)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.