Home Cronaca RADIONOVACAFE’ / L’uomo che parla coi libri

RADIONOVACAFE’ / L’uomo che parla coi libri

1
1

CASTELNOVO MONTI (3 giugno 2009) - Chi di voi non ha notato Agostino Bagnoli, col suo cappello di paglia, occhiali, barba e baffi che pare uscito direttamente da un romanzo dickensiano, quasi a disagio per le vie di Castelnovo. E, invece, a discapito dell'insolita eleganza, lui nel castelnovese è perfettamente calato nel suo ambiente. A Radionova Cafè, il format condotto da Chicchi, Cristina e Gab, va in scena una delle interviste più ricercate degli ultimi anni. Proprio lui, Agostino Bagnoli, la mente che ogni settimana divora 20 o 30 o più libri e che vive felice nella sua biblioteca ‘non animata ma disordinata’. La persona più adatta con la quale poter parlare di un'infinità di autori e argomenti.

"E nella scelta dei libri - spiega Agostino in trasmissione replicando alla domanda su come riesce a evitare letture noiose - mi fido del mio intuito e fiuto". "Ma alle volte si viene trovati dai libri".

Come mai tante letture?
"Leggo per accrescere il mio cuore", risponde Agostino.

E a chi si approccia a un libro quale consiglio darebbe?
“Nessuno. Non ho consigli da dare. Ognuno deve leggere in base alle proprie esigenze e sensibilità”. "Ci sono libri e non libri", spiega il personaggio riferendosi alla moltitudine di autori presenti sul mercato. Dove salverebbe Camilleri ma non Baricco.

Cosa è per te un libro?
"Una esperienza esistenziale. E i grandi libri vanno riletti, due, tre volte o più".

Una puntata da non perdere.

In regia Rosa Maria. Il programma è trasmesso con il seguente calendario:
- martedì 2 giugno ore 10
- mercoledì 3 giugno ore 17 (replica)
- giovedì 4 giugno ore 21 (replica)

E' possibile richiedere la trasmissione in formato mp3 all'indirizzo: [email protected]

Articolo precedente“La Comunità Montana non ha risposto ai fratelli taglialegna”
Articolo successivoA Carpineti apre una nuova azienda ceramica

1 commento

  1. A proposito di salvataggi
    All’amico Agostino, compagno di scuola, un quesito paradossale, che prende spunto dalla lettura dell’articolo: “TRA CHI LEGGE 100 LIBRI IN UN ANNO E CHI NE SCRIVE UNO SOLO, CHI SALVERESTI?”. Non può essere visto il lettore come statico bersaglio, mentre l’autore è al contrario freccia e dardo che corre nel vento? Io quando leggo mi sento così; lo so che forse è sbagliato. Un giorno confidai ad un amico di quanto mi sentissi “piccolo” leggendo bellissime frasi scritte da altri… Il mio amico mi disse: QUELLE FRASI ERANO GIA’ DENTRO DI NOI… SOLO CHE L’ALTRO LE HA SCOPERTE PER PRIMO!
    Ciao.

    (Umberto G.)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.