Home Cronaca Fotovoltaico: l’esempio di Casina

Fotovoltaico: l’esempio di Casina

9
0

“Fare la nostra parte, dare il nostro contributo”: questo il criterio che ha portato l’Amministrazione comunale di Casina guidata da Carlo Fornili a realizzare due impianti fotovoltaici sui tetti della scuola dell’infanzia e di quella primaria, approfittando dei forti incentivi introdotti dal Decreto Bersani del 2007 e attivando una importante collaborazione con Enia.

A un primo impianto realizzato con risorse proprie nel gennaio 2009, se n’è aggiunto un secondo realizzato da Enìa con il progetto "A scuola con il Sole" nello scorso mese di ottobre, entrambi nel polo scolastico del capoluogo. L’inaugurazione del complesso si terrà sabato 21 alle 11.30 nel centro scolastico di via Simonini, a un passo dallo Sport Village, alla presenza del sindaco Carlo Fornili, dell’assessore all’ambiente Ettore Giovannini, dei dirigenti e dei tecnici Enia che hanno collaborato alla realizzazione. Faranno da guida nell’illustrazione dell’impianto e della sua produttività gli studenti dell’Istituto Comprensivo Giorgio Gregori coinvolti da subito nell’iniziativa e che continueranno ad approfondirla con ricerche e spettacoli teatrali lungo un itinerario proposto da Enia in collaborazione con gli insegnanti.

“Il rispetto per l'ambiente nel quale viviamo è sempre stato un punto fondamentale per questa Amministrazione comunale –spiega l’assessore Giovannini - e perciò si è cercato negli ultimi anni di dare all'argomento una decisa connotazione pratica, com'è costume del nostro ente: dalla forte riduzione della tariffa sui rifiuti a chi si dota di compostiere, all'organizzazione di cicli di incontri tematici, ai più recenti investimenti sulle fonti rinnovabili. Tutti elementi di una politica che cerca di vedere, sempre più, nell'ambiente una risorsa per il nostro territorio.

L'introduzione di forti incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili è stata subito l'occasione per fare la nostra parte. Con il decreto Bersani del 2007 la produzione di energia elettrica dal sole con la tecnologia fotovoltaica si è rivelata per il Comune un'opportunità di conciliare la volontà di investire sull'ambiente con la possibilità di dare un concreto beneficio alle casse comunali.

Un primo impianto fotovoltaico, dopo un'attenta analisi di fattibilità, è stato realizzato attraverso un investimento diretto del Comune nello scorso inverno sulle Scuole elementari del capoluogo. A questo recentemente ne è seguito un secondo realizzato da Enìa in collaborazione con il Comune. Questi interventi connotano un progetto che cercherà nel limite del possibile di rendere il nostro Comune sempre meno dipendente dai combustibili fossili e quindi sempre meno partecipe all'incremento dell'inquinamento dell'atmosfera”.

“Investire sul sole è possibile e conveniente – afferma con forza e convinzione Sauro Benassi, il consigliere comunale che ha seguito l’iniziativa- Grazie al meccanismo del conto energia, oltre alla produzione di energia pulita dal sole e conseguente riduzione della bolletta energetica, risulta piuttosto vantaggioso anche dal punto di vista economico: l'ente pubblico incassa una tariffa incentivante per ogni Kwh di energia prodotta dagli impianti che consente nel periodo di convenzione con il Gestore dei Servizi Elettrici di incamerare quasi il doppio dell'investimento iniziale effettuato.

Dall’operazione costata circa € 100.000, con gli incentivi statali garantiti per 20 anni, in questi primi nove mesi il Comune ha incamerato € 9.281, che si sommano al mancato acquisto di energia per oltre € 2.500. Questi primi interventi rientrano in un contesto più ampio che interesserà nei prossimi anni il patrimonio del comune con l'obbiettivo di una progressiva riduzione dei consumi”.

Al consigliere Sauro Benassi il compito di fornire qualche dato tecnico ricavato dalla gestione corrente e dalla previsione fornita da Enia: “Il vantaggio ecologico-economico si può riassumere nelle seguenti cifre: 156 pannelli fotovoltaici installati; circa 36 kwp di potenza elettrica prodotta da fonti rinnovabili (oltre la metà del fabbisogno del complesso scolastico); quasi 40.000 kwh di energia elettrica prodotta in media ogni anno (circa 10 volte il fabbisogno di una famiglia media da 4 persone); 7.340 kg di petrolio risparmiati in media all'anno; oltre 20.000 kg in meno di anidride carbonica immessa in media nell'ambiente”.

Nel corso dell’inaugurazione, i ragazzi dell’Istituto Comprensivo illustraranno il valore dell'impianto, il lavoro già svolto e quello che continuerà. Perché la grande valenza educativa è uno dei punti di forza del progetto previsto da Enia che ha già fissato un prossimo appuntamento: uno spettacolo teatrale nella palestra delle scuole medie il 9 dicembre.

L’inaugurazione si chiuderà con un rinfresco curato dalla Bottega 77.