Piacere, moralista…

Nella poesia sulle sei paramita Milarepa recita:

Ora che hai assunto un corpo provvisto di opportunità e circostanze favorevoli,
proteggi la disciplina morale come fosse la pupilla dei tuoi occhi
.

***

Le religioni in genere insegnano determinati valori, che sono riconducibili tra loro, a un qualcosa che definiamo Bene.
D'altra parte, tutto ciò che non sentiamo come giusto viene ammucchiato in quello che chiamiamo Male.

Nietzche diceva che quando la religione ha assunto uno schema etico a dispetto di uno schema mitico è cominciato il declino della civiltà e indica questo con l'avvento delle monoteiste principalmente. In realtà lui indica con il personaggio di Zarathustra questo avvento, ma se facciamo i calcoli re Davide e Salomone, seppure mitici venivano prima.

Quindi, per la religione esiste uno schema etico che tendiamo e seguire, religiosi e atei. E' del ventesimo secolo l'idea, applicata alla politica di essere critici. Ora se uno identifica nell'etica e non nei soldi il sommo bene, potrà applicare questo principio all'etica appunto e non al sociale.

Intendo dire, come il sessantottino è critico verso l'andamento dei soldi, il moralista può essere critico verso un comportamento sbagliato.. e forse otterrà risultati più facilmente.

Ora l'idea che viene desiderata e odiata è che l'etica sia oggettiva. Se l'etica fosse oggettiva avremmo un criterio per giudicare le cose veramente incredibile e dovremmo avere la furbizia di non privarci della scelta che ci è stata concessa per natura.

Poi viene la differenza tra morale e gli -ismi (buonismo, moralismo). Una mia amica molto radicale si è beccata una intera lezione di filosofia su questo argomento dopo aver tacciato un professore di un comportamento sbagliato. Quindi credo di essere informato.

Insomma, la morale la farebbe chi la rispetta. Il moralismo chi non rispetta la morale fatta da lui stesso.

***

Il buddismo a questo questito risponde in maniera diversa. Se tra le sei paramita (perfezioni) è compresa quella della morale, il moralismo viene eliminato inserendo nelle dieci azioni non virtuose il pettegolezzo.

Racconto la storia. Mi trovavo in un luogo imprecisato in un tempo imprecisato e il solito tizio si lasciava andare ad apprezzamenti sulle ragazze che mi circondavano.

Dove era il male?
Loro ci stavano si potrebbe dire, ma era evidente che non poteva essere più di una accettazione passiva di tale comportamento in quento la differenza di età era notevole.
Facciamo nonno a nipote. E poi se asserite come me su un male oggettivo il punto non è su dove era il male, ma se quello era un bene o un male. Ebbene, anche se tollerato era un male.
Ed ecco che arriva una ragazza disabile e il tizio si avvicina, giocherella con i suoi capelli e le chiede come sta. La ragazza si arrabbia infastidita e poi si rivolge a me:

- E' possibile che mi chiedano tutti le stesse cose? E' già la terza volta che me lo chiedono. A te non fa arrabbiare? -

E indica il tipo. Non aveva colto la volgarità, ma l'insistenza. Dimostrazione che tutti gli esseri sono in grado di riconoscere tra bene e male. Poi ciascuno sceglie.

E c'è chi sceglie il bene e chi sceglie il male... su questo ognuno è libero. Potete ignorare questo assioma, ma se volete una marcia in più è così.

Riporto il dialogo di Milarepa con la demonessa. Entrambi dicono il loro pensiero. Uno è coerente nel bene, l'altro nel male. Provate a dire chi?

Milarepa: lassù in mezzo al cielo azzurro,
la coppia del sole e della luna vive felicemente
è il palazzo meraviglioso degli dei,
raggi di luce si diffondono per lo splendore degli esseri.
Mentre ruotano intorno ai quattro continenti,
Possa il pianeta Rahu non diventargli nemico!

Demonessa: lassù in mezzo al cielo azzurro
la chiara luce del sole e della luna vive felicemente
è il palazzo meraviglioso degli dei
che disperde le tenebre dei quattro continenti, si dice
quando essi roteano intorno ai quattro continenti
se non si perdessero nel tentativo di risplendere a perfezione
e non ingannassero con il loro mandala di luce
come potrebbe il pianeta Rahu diventare loro nemico?

Il pianeta Rahu era il pianeta responsabile delle eclissi.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48