Home Società Don Giordano 28 / Arrivato a Damasco, forse già oggi il Don...

Don Giordano 28 / Arrivato a Damasco, forse già oggi il Don sarà in Giordania

6
1

Dopo la “disavventura” dei giorni scorsi ad Aleppo e la prima giornata in bicicletta di lunedì (che fortunatamente ha portato nuova linfa), don Giordano è tornato in piena forma e sta pedalando con il vigore delle prime settimane.
Ieri sera è giunto a Damasco, la capitale della Siria, ma lungo il tragitto (in pieno deserto) si è persino concesso una deviazione di 40 chilometri per andare a visitare il monastero di Mar Musa, fondato dal religioso italiano padre Paolo Dall’Oglio.

L’incontro è stato molto bello e suggestivo e don Giordano ha dovuto inerpicarsi su di un monte per raggiungere questo tempio che guarda un orizzonte infinito fatto di pietre e di pulviscolo.

Per chi non conosce padre Paolo Dall’Oglio (classe 1954), è utile dire che fin da ragazzo ha rivelato uno spirito rivoluzionario: militante di sinistra e dalle idee brillanti, è stato uno studente mediocre ed ha lavorato a lungo in un cantiere di Fiumicino dove si costruivano barche, mettendo subito in pratica gli ideali di solidarietà operaia. Dopo la laurea, ha cominciato a maturare la sua vocazione e nel 1975 è entrato nella Compagnia di Gesù.

Nel 1982, grazie ad una vecchia guida turistica della Siria, è venuto a conoscenza dell’esistenza di Mar Musa, monastero abbandonato da molto tempo, concependo così la sua idea di missione: far risorgere il monastero fondandovi una comunità dove il dialogo tra cristiani e mussulmani è quotidianamente e concretamente vissuto.
Storicamente parando, la località di Mar Musa fu abitata fin dalla preistoria da popolazioni che ne sfruttavano i naturali anfratti e la presenza di acqua.
In epoca romana fu scelta dagli anacoreti che a poco a poco costituirono la prima comunità monastica.

La tradizione locale vuole che Mosè l'Abissino, figlio di un re etiope, dopo aver rifiutato di succedergli al trono, preferì la vita eremitica spostandosi in Egitto, poi in Terra Santa ed infine in Siria, in una grotta nella valle dove oggi sorge il monastero. Venne alla fine ucciso da soldati bizantini e il suo corpo riportato in patria dai famigliari. In Siria venne lasciato soltanto un pollice.

Dopo questa parentesi eremitica, dunque, don Giordano ha ripreso la via e raggiunto Damasco, che oltre ad essere la capitale della Siria è anche la seconda città più popolosa del Paese con gli oltre 1,6 milioni di abitanti, mentre l'area metropolitana ne conta più di 5 milioni. Città storica, nata nello stesso periodo delle civiltà mesopotamiche, in origine la sua popolazione era costituita da genti di stirpe semitica orientale note come Aramei. È considerata la più antica città del mondo fra quelle abitate in maniera continuativa.

Con tutta probabilità, nella giornata di oggi don Giordano varcherà i confini per entrare in Giordania, ma difficilmente riuscirà a raggiungere Amman per via della lontananza e delle tratte molto impervie.

* * *

Correlati:
- Don Giordano 0 / E dopo la laurea... un po' di riposo e parte, in bicicletta, per Gerusalemme (24 aprile 2010)
- Don Giordano 1 / Arrivo a Rimini, prima tappa del pellegrinaggio in bici a Gerusalemme (27 aprile 2010)
- Don Giordano 2 / Ritorno a Loreto (28 aprile 2010)
- Don Giordano 3 / Il Vescovo lo accoglie a Termoli dopo 200 km (29 aprile 2010)
- Don Giordano 4 / Sbarco in Albania (30 aprile 2010)
- Don Giordano 5 / Verso la Grecia dopo un saluto a Daniela (1 maggio 2010)
- Don Giordano 6 / "Prosegue inarrestabile il pellegrinaggio..." (2 maggio 2010)
- Don Giordano 7 / Sosta a Tessalonica (3 maggio 2010)
- Don Giordano 8 / Verso la Turchia. Aggiornamento ore 12,30 (4 maggio 2010)
- Don Giordano 9 / Un compagno di viaggio per il don... (5 maggio 2010)
- Don Giordano 10 / Dopo l'addio a Michel arriva in Grecia (6 maggio 2010)
- Don Giordano 11 / Arrivo ad Istanbul (7 maggio 2010)
- Don Giordano 12 / Sosta ad Istanbul ospite dei Cappuccini (8 maggio 2010)
- Don Giordano 13 / Sosta ad Istanbul da pellegrino e turista (9 maggio 2010)
- Don Giordano 14 / Da Istanbul a Hendek... 200 chilometri! (10 maggio 2010)
- Don Giordano 15 / Su e giù per i monti in una tappa da vero "scalatore". Aggiornamento ore 18 (11 maggio 2010)
- Don Giordano 16 / Ankara! (12 maggio 2010)
- Don Giordano 17 / Da Ankara verso la Cappadocia. Una nota di Roberto Rocchi (13 maggio 2010)
- Don Giordano 18 / In Cappadocia:"Mai avrei immaginato lo spettacolo che mi si è parato davanti..." (14 maggio 2010)
- Don Giordano 19 / Breve sosta in Cappadocia e poi... via verso Tarso, dov'è nato San Paolo (15 maggio 2010)
- Don Giordano 20 / Con una tappa di 250 km (!) don Giordano arriva a Tarso, dov'è nato San Paolo (16 maggio 2010)
- Don Giordano 21 / Giunto ad Iskenderun (Alessandretta) incontra il Vescovo e un oratorio pieno di ragazzi che giocano a pallone (17 maggio 2010)
- Don Giordano 22 / Raggiunta con qualche sforzo Antiochia di Siria ora si pone il problema di superare la frontiera (18 maggio 2010)
- Don Giordano 23 / Superata la frontiera siriana e raggiunta Aleppo (19 maggio 2010)
- Don Giordano 24 / Sosta ad Aleppo (20 maggio 2010)
- Don Giordano 25 / Oggi dovrebbe riprendere il pellegrinaggio (21 maggio 2010)
- Don Giordano 26 / La "maledizione di Montezuma" colpisce don Giordano (24 maggio 2010)
- Don Giordano 27 / Riprende la marcia da Aleppo ad Homs per 180 km (25 maggio 2010)
- Don Giordano 29 / Più di 200 km per arrivare oltre Amman, a Madaba. Forse già oggi in Israele (27 maggio 2010)
- Don Giordano 30 / L'ARRIVO A GERUSALEMME! Pellegrinaggio compiuto! (28 maggio 2010)
- Don Giordano 31 / Gerusalemme: molta fatica, ma ancor più gioia (29 maggio 2010)
- Don Giordano 32 / Non più solo (30 maggio 2010)
- Don Giordano 33 / Messa nella basilica del S. Sepolcro celebrata da don Geli (31 maggio 2010)
- Don Giordano 34 / Anche senza la bici il pellegrinaggio mantiene lo stesso "ritmo" (1 giugno 2010)
- Don Giordano 35 / Visita alla basilica della Natività (2 giugno 2010)
- Don Giordano 36 / "Giornata dedicata alla spiritualità, ma ci sono troppi turisti indisciplinati: un peccato" (3 giugno 2010)
- Don Giordano 37 / "L’alba più bella del mondo" (5 giugno 2010)
- Don Giordano 38 / Di nuovo in Italia! (7 giugno 2010)
- Don Giordano 39 / Il sacerdote ringrazia e termina il pellegrinaggio (8 giugno 2010)

1 COMMENT

  1. Grazie!
    Un grazie infinito a don Giordano e all’Ispettore Rocchi che ci permettono di partecipare a questo viaggio “unico”. So quanto spesso sia tutt’altro che facile trovare un punto internet e quanto tempo ci voglia a trovare informazioni, organizzarle e trascriverle. Vado sempre a cercare gli aggiornamenti e puntualmente li trovo ricchi di dettagli. Grazie davvero. Il numero delle letture dice che è un sentimento ampiamente condiviso.

    (Giovanna Caroli)