Don Giordano 31 / Gerusalemme: molta fatica, ma ancor più gioia

Come abbiamo fatto nei momenti più significativi, lasciamo direttamente a don Giordano il compito di raccontarci la serie di eventi cui è andato incontro. L’arrivo a Gerusalemme è stato per davvero patito. Per esigenze di spazio abbiamo sintetizzato la lunga nota che ci ha inviato, ma si capisce ugualmente bene la tribolazione prima e la gioia dopo che ha provato al suo arrivo. Anche qui ha incontrato persone che l’hanno accolto ed aiutato. Ecco cosa ci ha detto.
(rr)

-----

Sono a Jenin in Samaria, il cielo è scurissimo e arrivo al monte Nebo, ma è avvolto da folti nubi e il tempo non promette nulla di buono. Non vale la pena salirvi, preferisco dirigermi verso il Mar Morto. Trovo una grande discesa e un paesaggio lunare che pare portare alle viscere della terra. A un certo punto inizia a piovere. Incredibile: un mese senza pioggia e nel bel mezzo del deserto un forte acquazzone di 5 minuti.

La strada diventa scivolosissima e la discesa ha una pendenza molto pericolosa che pare non finire mai. Arrivato in fondo c’è un caldo pazzesco e sono solo le 8 del mattino. Trovo Ennon, il luogo dove Gesù è stato battezzato e sapere che lui è stato qui in mezzo a tanti uomini mi mette i brividi. Verso le 11 sono ad Alleny Bridge per passare ad Israele. Alla frontiera Giordana ci tengono fermi un’ora e ci obbligano a salire su di un pullman per poter transitare. Protesto (poco, mi conviene…).

Quando mi vedono mi riempiono di domande, gli agenti paiono abbastanza divertiti nel vedermi con la bicicletta, ma mi impressiona vederli così giovani e tutti con un mitra accollato. Continua a perdurare una nebbia, in realtà formata dalla sabbia del deserto levata dal vento che limita la visibilità ad una cinquantina di metri.
Riprendo il viaggio ed arrivo a Gerico: dicono sia la città più antica del mondo con la sua storia cominciata 10mila anni fa. Non mi fermo, ho voglia e fretta di arrivare a Gerusalemme. La strada si inerpica con una pendenza del 10% che arriva subito dopo al 20% in un ambiente di montagne desertiche. Ad un certo punto vedo un giovane su di un somaro e ci mettiamo a parlare in inglese. Sto seguendo la giusta via e infatti trovo la statale poco dopo. Pedalo continuamente, la polvere del deserto mi entra in gola e ho finito l’acqua in borraccia, non c’è una casa lungo la strada. Ho molta sete e la gola brucia.

Finalmente vedo un’indicazione per il “Monte degli Ulivi”, la prendo e trovo un negozio. Mi scolo in un sol colpo un litro di succo di frutta e non so quanta acqua. Ennesima salita, strada molto sporca e trafficata e la sabbia continua a rendere scarsa la visibilità (dicono sia un fenomeno di correnti che trae origine dall’Egitto e succeda un paio di volte l’anno). Vedo un muro, il cuore mi palpita, chiedo. E’ Gerusalemme!

Mi infilo dentro la porta (è quella di Erode) e trovo il quartiere arabo, sono già le otto di sera e voglio andare al Santo Sepolcro ma temo stia chiudendo. Lo trovo, ma un monaco armeno non mi fa entrare per via del mio abbigliamento “poco pellegrino” e troppo sportivo. Mi infilo nel primo vicolo che trovo, tiro fuori e indosso i pantaloni e mi accorgo di essere ricoperto completamente da una polvere fine che assieme al sudore fa un bell’impasto. Non me ne frega niente. Entro in basilica. Proprio all’ingresso c’è la pietra dove è stato posto il corpo di Gesù. Mi inginocchio con la fronte e vi appoggio le mani. Piango.

Penso a tutti voi, alle tante persone che hanno pedalato con me, alle loro pene. Penso che è per loro innanzitutto che sono venuto qui, a vedere questa tomba vuota. Per dare una speranza vera. La vorrei come raccogliere, estrarre da questa pietra che ormai è tutta bagnata dalle mie lacrime e portarvela. Poi vado a pregare sul Golgota e infine al Sepolcro. Ora sono davvero arrivato!

Una suora (si chiame Kate e viene dal Canada) alla quale ho chiesto informazioni mi accompagna dai frati dove intendo alloggiare, ma nessuno ci risponde. Mi porta allora in un ostello gestito da religiosi francesi. Sono pieni e non hanno posto. Andiamo dove alloggia lei, dai padri Bianchi della Chiesa di Sant’Anna. Mi accoglie padre Domenico con grande gentilezza, mi fa preparare una stanza e una buona cena. Parliamo in italiano, inglese e francese. Telefono a mia mamma. E’ stata una giornata bellissima.

-----

Dovremmo in realtà raccontarvi tante altre cose, ma quanto ci ha descritto don Giordano crediamo possa (almeno per ora) bastare. Il viaggio di don Giordano non è però finito qui e continueremo ad aggiornarvi di quel che succede.

* * *

Correlati:
- Don Giordano 0 / E dopo la laurea... un po' di riposo e parte, in bicicletta, per Gerusalemme (24 aprile 2010)
- Don Giordano 1 / Arrivo a Rimini, prima tappa del pellegrinaggio in bici a Gerusalemme (27 aprile 2010)
- Don Giordano 2 / Ritorno a Loreto (28 aprile 2010)
- Don Giordano 3 / Il Vescovo lo accoglie a Termoli dopo 200 km (29 aprile 2010)
- Don Giordano 4 / Sbarco in Albania (30 aprile 2010)
- Don Giordano 5 / Verso la Grecia dopo un saluto a Daniela (1 maggio 2010)
- Don Giordano 6 / "Prosegue inarrestabile il pellegrinaggio..." (2 maggio 2010)
- Don Giordano 7 / Sosta a Tessalonica (3 maggio 2010)
- Don Giordano 8 / Verso la Turchia. Aggiornamento ore 12,30 (4 maggio 2010)
- Don Giordano 9 / Un compagno di viaggio per il don... (5 maggio 2010)
- Don Giordano 10 / Dopo l'addio a Michel arriva in Grecia (6 maggio 2010)
- Don Giordano 11 / Arrivo ad Istanbul (7 maggio 2010)
- Don Giordano 12 / Sosta ad Istanbul ospite dei Cappuccini (8 maggio 2010)
- Don Giordano 13 / Sosta ad Istanbul da pellegrino e turista (9 maggio 2010)
- Don Giordano 14 / Da Istanbul a Hendek... 200 chilometri! (10 maggio 2010)
- Don Giordano 15 / Su e giù per i monti in una tappa da vero "scalatore". Aggiornamento ore 18 (11 maggio 2010)
- Don Giordano 16 / Ankara! (12 maggio 2010)
- Don Giordano 17 / Da Ankara verso la Cappadocia. Una nota di Roberto Rocchi (13 maggio 2010)
- Don Giordano 18 / In Cappadocia:"Mai avrei immaginato lo spettacolo che mi si è parato davanti..." (14 maggio 2010)
- Don Giordano 19 / Breve sosta in Cappadocia e poi... via verso Tarso, dov'è nato San Paolo (15 maggio 2010)
- Don Giordano 20 / Con una tappa di 250 km (!) don Giordano arriva a Tarso, dov'è nato San Paolo (16 maggio 2010)
- Don Giordano 21 / Giunto ad Iskenderun (Alessandretta) incontra il Vescovo e un oratorio pieno di ragazzi che giocano a pallone (17 maggio 2010)
- Don Giordano 22 / Raggiunta con qualche sforzo Antiochia di Siria ora si pone il problema di superare la frontiera (18 maggio 2010)
- Don Giordano 23 / Superata la frontiera siriana e raggiunta Aleppo (19 maggio 2010)
- Don Giordano 24 / Sosta ad Aleppo (20 maggio 2010)
- Don Giordano 25 / Oggi dovrebbe riprendere il pellegrinaggio (21 maggio 2010)
- Don Giordano 26 / La "maledizione di Montezuma" colpisce don Giordano (24 maggio 2010)
- Don Giordano 27 / Riprende la marcia da Aleppo ad Homs per 180 km (25 maggio 2010)
- Don Giordano 28 / Arrivato a Damasco, forse già oggi il Don sarà in Giordania (26 maggio 2010)
- Don Giordano 29 / Più di 200 km per arrivare oltre Amman, a Madaba. Forse già oggi in Israele (27 maggio 2010)
- Don Giordano 30 / L'ARRIVO A GERUSALEMME! Pellegrinaggio compiuto! (28 maggio 2010)
- Don Giordano 32 / Non più solo (30 maggio 2010)
- Don Giordano 33 / Messa nella basilica del S. Sepolcro celebrata da don Geli (31 maggio 2010)
- Don Giordano 34 / Anche senza la bici il pellegrinaggio mantiene lo stesso "ritmo" (1 giugno 2010)
- Don Giordano 35 / Visita alla basilica della Natività (2 giugno 2010)
- Don Giordano 36 / "Giornata dedicata alla spiritualità, ma ci sono troppi turisti indisciplinati: un peccato" (3 giugno 2010)
- Don Giordano 37 / "L’alba più bella del mondo" (5 giugno 2010)
- Don Giordano 38 / Di nuovo in Italia! (7 giugno 2010)
- Don Giordano 39 / Il sacerdote ringrazia e termina il pellegrinaggio (8 giugno 2010)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48