Un ciclo di serate sulle dipendenze proposte dai servizi sanitari e dalle associazioni

Una serie di incontri per confrontarsi su temi di grande attualità e che hanno un forte impatto sulla vita delle famiglie, è stata organizzata dal Ser.T Sud del Distretto di Castelnovo ne' Monti, in collaborazione con il Servizio sociale unificato e con l’ausilio di alcune associazioni che lavorano per il recupero dalle dipendenze.

Cocaina, gioco d’azzardo, ma anche la cultura dello sballo e del divertimento “forzato” e le stragi del sabato sera, saranno i temi che verranno affrontati con l’ausilio di esperti che si trovano ad affrontarli quotidianamente. Lo spunto per l’iniziativa è arrivato proprio da sollecitazioni pervenute dagli Enti ausiliari che collaborano con il Ser.T (Servizio pubblico per le tossicodipendenze) su questi temi, ma anche dalle vicende di stretta attualità che hanno profondamente colpito il tessuto sociale della montagna, come l’inchiesta "Piazza pulita", i molti arresti per spaccio di stupefacenti, le decine di persone coinvolte e segnalate come assuntori abituali.

“Ci sembra importante –spiega una nota del Ser.T - partire da una riflessione che già da tempo i servizi hanno avviato su questi temi, a seguito del fatto che certi stili di vita sono ormai molto diffusi e non più ascrivibili a singoli soggetti o a gruppi sociali marginali ed in qualche modo “problematici”.

La cocaina ad esempio è un'epidemia diffusa che vede coinvolti giovani adolescenti, ma anche professionisti adulti, genitori, che difficilmente vivono questo comportamento come pericoloso per la propria salute e le proprie relazioni familiari. Le richieste di aiuto sono in aumento, ma sempre poca cosa rispetto alla percezione dell'entità del fenomeno.

Questo atteggiamento è ancora più evidente con il gioco d'azzardo che può essere praticato in modi molto diversi, sulla base di una offerta molto ampia, e la percezione della pericolosità e gli effetti tragici nella vita delle persone quali indebitamento, perdita del lavoro, crisi coniugali ecc., sono ancora poco compresi. La presenza di singole persone o familiari anche del nostro territorio che frequentano i Centri provinciali di aiuto ci permetterà di stimolare ulteriormente questa riflessione, anche attraverso l’apporto di testimonianze dirette, spesso molto forti, di chi è passato attraverso queste esperienze”.

La prima serata è in programma per mercoledì, 8 giugno, e sarà sul tema della cocaina. L’incontro sarà introdotto da Gian Luca Marconi, sindaco di Castelnovo, e vi interverranno poi Maria Luisa Muzzini, direttore del distretto sanitario di Castelnovo, Antonio Nicolaci, responsabile del Ser.T. Sud, Roberto Casotti, responsabile del progetto “No cocaine” del Centro di solidarietà di Reggio Emilia. Saranno presentate anche testimonianze di familiari in trattamento. L’incontro si terrà nella sala consiliare dalle ore 21.

Stessa sede e stesso orario per la seconda serata, fissata per martedì 14 giugno, in cui si parlerà di gioco d’azzardo. Dopo una nuova introduzione da parte di Marconi e Maria Luisa Muzzini, interverranno Antonio Nicolaci ed Umberto Caroni, dell’associazione onlus "Papa Giovanni".
Anche in questo caso saranno presentate testimonianza dirette di persone coinvolte in questa dipendenza.

Infine è in fase di organizzazione una terza serata, che si terrà nel mese di settembre, sul tema “I giovani, la notte e il rischio”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48