Home Cronaca Nel ricordo della solidarietà al Friuli a Paullo due giorni di festa

Nel ricordo della solidarietà al Friuli a Paullo due giorni di festa

11
0

PAULLO (Casina, 6 luglio 2011) – Il terribile terremoto del Friuli del 1986 vide al lavoro, tra gli angeli del soccorso, numerosi volontari e alpini di Casina. La protezione civile doveva ancora nascere: in segno di gratitudine la comunità di Osoppo volle donare, a emergenza finita, una delle case temporanee all’Associazione Alpini di Casina dieci anni dopo. E per festeggiare il 25° anniversario della Baita Osoppo – che ora sorge a Paullo di Casina e ospita il locale gruppo alpini - inaugurata nel 1986, scenderanno a Paullo di Casina, per la tradizionale Festa degli Alpini e degli amici, anche le comunità friulane il 9 e 10 luglio.

E’ l’attesa due giorni di festa, organizzata dal Gruppo Alpini di Paullo con la collaborazione dell’Associazione nazionale Alpini, sezione di Reggio Emilia, il patrocinio del Comune di Casina, che prevede un articolato programma nella cornice dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Si inizia sabato 9 luglio alle ore 19,30 con il rancio alpino nella Baita Osoppo, per proseguire alle 21 con l’inaugurazione della mostra fotografica “Terremoto del Friuli”.

Alle ore 21,30 andrà in scena in forma integrale il recital “Addio, mia bella, addio” del Coro Vocilassù di Toano, diretto dal maestro Armando Saielli, con la regia di Ubaldo Montrucoli. Lo spettacolo, è prodotto dall’Associazione canora e culturale toanese e sarà caratterizzato da musica, azioni sceniche, recitazione, letture e canto corale con la partecipazione di Lorenzo Munari, fisarmonicista di fama internazionale, e dell’attrice Elisa Montruccoli, che leggerà le storie degli italiani che hanno fatto grande l’Italia. Parte dei canti del recital sono dell’epoca risorgimentale, legati al periodo unitario e tutti popolari o d’autore. La scelta dei testi è frutto del sodalizio artistico “La valigia di Frantz” che Ubaldo ed Elisa Montruccoli hanno voluto creare in ricordo del fratello Pier Francesco, recentemente scomparso.

Domenica 10 luglio ritrovo alle ore 9,30 presso la Baita Osoppo, dove alle 10 si terrà l’alzabandiera e alle 10,15 gli onori ai caduti; alle ore 10,30 verrà depositata una corona sul monte di Sordiglio. La mattinata proseguirà con la S. Messa accompagnata dal Coro Mondura, celebrata alle ore 11,30 presso la Baita Osoppo. Dopo il rancio alpino delle 12,30, il pomeriggio sarà allietato dal concerto bandistico della Banda di Felina. Alle ore 19 si potrà usufruire della ricca cena per poi assistere, dalle ore 21, alla serata animata dall’orchestra di ballo liscio “Enza e gli Harmony”.

Articolo precedente“Compiamo 40 anni. E festeggiamo”
Articolo successivoTutto esaurito a Ligonchio per la settimana internazionale di Reggio Children

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.