Canossa si siede a tavola

'Canossa, terra e tavola'. Si chiamerà così, e sarà la prima grande festa dell'agricoltura che si svolgerà domenica 22 aprile a Ciano d'Enza di Canossa.

L'iniziativa, promossa e organizzata dall'Ati 'Vivere Canossa' e dell'Amministrazione Comunale locale, e con la fattiva collaborazione delle associazioni di categoria (sia del mondo agricolo che del commercio), si svolgerà nelle piazze e nelle vie del capoluogo. La macchina organizzativa sta già girando a pieno ritmo: tante le adesioni pervenute, numerosi ancora i contatti in corso.

Centro della manifestazione sarà lo storico 'Fondone',  piazza Matilde di Canossa, che tornerà per un giorno ad essere il fulcro della comunità e dove verrà ricreata la vita dell'aia di una volta. E così, assieme ai casari che produrranno il parmigiano reggiano, ai mugnai che macineranno la farina, al gruppo di produttori di ciccioli, alle cestaie che realizzeranno splendidi  oggetti di ogni forma in vimini (lavorazione caratteristica per questo paese che si affaccia sulle rive dell'Enza) e agli impagliatori di sedie, avremo l'angolo (rigorosamente delimitato da 'balle' di fieno) dove si svolgerà la gara di briscola, quello dove una giuria valuterà il salame nostrano più buono e un altro dove stazioneranno asinelli e pony, pronti a far divertire bambini e ragazzi e a scarrozzarli per le vie del paese. A far da cornice a tutto ciò, vi saranno decine di variopinti stand ed espositori di prodotti enogastonomici d'ogni sorta, nonchè una grande rassegna di trattori e macchine agricole moderne ed antiche, che dopo una solenne sfilata per le vie del paese resteranno a far mostra di sè in piazza. Saranno presenti anche i volontari dell'Ati Vivere Canossa con un loro spazio nel quale prepareranno e venderanno gnocco fritto, gli artisti della scuola della pietra e i tavoli di alcuni scrittori di libri di ricette o di ricordi del tempo che fu. Inoltre, resteranno aperti i negozi per le vie del paese. Ad arricchire ulteriormente la giornata contribuirà pure il mitico sidecar di Peppone e don Camillo. In questa giornata di festa pure il teatro 'Matilde di Canossa' sarà inondato di vita e persone.

Nella  mattinata, infatti, si terrà un convegno provinciale dedicato alle problematiche attuali del mondo agricolo, mentre  per il pomeriggio è in cartellone la lettura di fiabe per bambini e ragazzi.  "Vogliamo che Canossa- dichiara Erica Montipo', presidente di 'Vivere Canossa'- sia un punto di riferimento provinciale e regionale non solo per i castelli, il fiume o il tempietto del Petrarca, ma anche per quella vitalità sociale ed economica che ha sempre caratterizzato la nostra zona". Aggiunge il vice sindaco Fernando Cavandoli: "Il turismo e l'agricoltura sono due tematiche per noi fondamentali. Attraverso questa ed altre iniziative che stiamo studiando (anche assieme ad altri Comuni) vogliamo contribuire allo sviluppo del commercio e dell'economia locali e della zona, e al rilancio turistico di queste bellissime terre".

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48