Home Cronaca A cena con Modem, movimento per la tutela di donne e minori,...

A cena con Modem, movimento per la tutela di donne e minori, per ampliare la rete di solidarietà. EVENTO RINVIATO A DATA DA DESTINARSI

2
0
Il logo dell'Associazione Modem

Appuntamento il 3 maggio all’alberghiero Motti di Reggio Emilia in via Gastinelli, 3 alle ore 21,00 per la prima cena di raccolta fondi della neonata associazione Modem  un'associazione culturale, no profit, che prende forma dopo un lungo percorso di conoscenze, confronti ed esperienze di vita di un gruppo di donne (Marzia Schenetti, Domizia Galli, Antonella Labianca , Roberta Bruzzone, Paola Corsignano Carrieri )  che hanno creato tra loro un forte sodalizio. Un fronte coraggioso contro la violenza verso donne e minori per la divulgazione di un nuovo modo di fare informazione socio-culturale sul tema violenza e stalking, che vuole coinvolgere anche gli studenti delle scuole, e sensibilizzarli sull’argomento. Tre gli ingredienti principali di questa cena: voglia di stare insieme in modo conviviale, attraverso la degustazione di uno stuzzicante menù della chef Maria Terersa Bonati, letture di brani interpretati dalla psicologa  e collaboratrice della redazione Redacon,  Ameya Canovi e intermezzo musicale di Marzia Schenetti, conosciuta cantante lirica e vittima di stalking, da tempo in prima linea in una lotta personale divenuta  impegno civile sul fronte di tutte le donne “vittima”;  comunione di intenti nel combattere la violenza contro le donne e i minori  che ogni giorno aggiunge nuovi eventi crudeli ad una lista nera che pare interminabile  e volontà forte e determinata dell’associazione di divulgare e realizzare gli importanti progetti in essere ed in divenire, che verranno presentati nella serata. Tanti i progetti messi in campo, oltre all'organizzazione di dibattiti aperti al pubblico con dialogo e confronto diretto con testimonianze di donne, tra cui anche la  collaborazione con la casa editrice IL CILIEGIO ha già lanciato il bellissimo progetto TU RACCONTI IO SCRIVO: la possibilità per una ex vittima di violenza di poter raccontare e pubblicare la propria storia. Perché Modem non è un nome scelto a caso, in quanto esprime l’idea da cui è scaturito, la creazione di  "una rete  di  donne vittime di violenza", dice Marzia Schenetti, vittima di stalking, che hanno bisogno di ricostruirsi un’identità violata nello spirito, nel corpo e nella dignità. Uno strumento per fare emergere  questo mondo nascosto, celato volutamente da un sistema che non aiuta,  con una voce univoca che  denuncia ed  esterna queste pesanti esperienze di vita, e il contesto scolastico scelto per l’evento valorizza maggiormente e fortifica questo importante intento. E allora appuntamento a Giovedì sera, ricordando che chi prenoterà la cena (euro 28,00), nel costo della stessa, potrà includere l’iscrizione all’associazione.

Per info e prenotazioni:

Marzia Schenetti, 3468504886

Monica Benassi , Gusto sapiens, 3393965678

 

Articolo precedenteLa Pietra veduta aerea
Articolo successivoSergio Toni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.