Rischio incendi: da questo fine settimana “stato di grave pericolosità”

A partire da sabato 21 luglio entra in vigore in Emilia-Romagna lo stato di grave pericolosità per gli incendi di bosco. Fino al 2 settembre, squadre del Corpo forestale dello Stato, dei Vigili del fuoco e del volontariato di protezione civile saranno impegnate su tutto il territorio regionale in attività di spegnimento, ma anche di prevenzione e avvistamento,  con il coordinamento della sala operativa dell’Agenzia regionale di  protezione civile. La task force regionale antincendi sarà supportata da funzionari delle prefetture, delle province, dei comuni e delle comunità montane.

E’, questo, quanto  stabilisce l’Agenzia  regionale di protezione civile sulla base delle previsioni meteo dell’Arpa con un provvedimento che viene  pubblicato oggi  sul Bollettino ufficiale della Regione, sulla base del piano regionale di lotta agli incendi boschivi 2012-2016. Il termine del 2 settembre fissato per lo stato di pericolosità potrà essere prorogato o revocato a seconda delle condizioni meteorologiche.

I mezzi e gli uomini a disposizione

Il Corpo forestale dello Stato mette a disposizione un elicottero “AB 412” presso l’aeroporto di Rimini, due nuclei operativi specializzati per le attività di spegnimento sulla costa di Ravenna e Ferrara e  pattuglie su tutto il territorio regionale  per attività di avvistamento, prevenzione, repressione e primo intervento. Altri due elicotteri  “AB 206” e un “AB 412” sono  messi a disposizione dalla direzione regionale dei Vigili del fuoco insieme a 5 squadre dislocate presso 5 comandi provinciali e composte da cinque unità ciascuna. A supporto del personale del Corpo forestale e dei Vigili del fuoco  opereranno i volontari di protezione civile, organizzati dall'Agenzia regionale in 63 squadre appartenenti ai nove coordinamenti provinciali

La sala operativa permanente della protezione civile regionale

E’ già operativa dall’1 luglio (data dell’inizio dello stato di attenzione per il rischio incendi) e lo rimarrà fino al 2 settembre la sala operativa unificata permanente dell’Agenzia regionale di protezione civile. In funzione tutti i giorni  (dalle ore 8 alle ore 20 ed in orario notturno con servizio di reperibilità) la sala operativa vede impegnato personale della protezione civile regionale, dei  Vigili del fuoco, del Corpo forestale e del volontariato di protezione civile. La sala svolge  azione di monitoraggio, di coordinamento e, in caso di incendi estesi, mobilita uomini e mezzi spostando se occorre squadre da una provincia all’altra. In caso di necessità, il direttore dell’Agenzia regionale richiede l’attivazione dei mezzi aerei del dipartimento nazionale della protezione civile dedicati allo spegnimento degli incendi di bosco.

Cosa rischia chi provoca un incendio

Durante il periodo di grave pericolosità all’interno delle aree forestali è vietato l’accensione di qualsiasi fuoco e di qualsiasi strumento che produca fiamme, scintille o braci, come ad esempio i barbecue o i fornelli a gas. Il divieto riguarda anche la pulizia dei pascoli e dei terreni mediante abbruciamento delle stoppie e vale anche a meno di 200 mt. dalle aree forestali o dai pascoli. Sono vietati anche gli abbruciamenti controllati. Le sanzioni per chi non rispetta tali disposizioni arrivano fino a 10mila euro. Sotto il profilo penale è prevista anche la reclusione da 4 a 10 anni se l’incendio è provocato volontariamente in maniera dolosa; da 1 a 5 anni nel caso di negligenza, imprudenza o imperizia.  Chi provoca un incendio può essere condannato anche al risarcimento dei danni che possono raggiungere cifre anche molto elevate. Presso ogni comando provinciale è presente almeno una squadra specializzata nella ricerca delle cause degli incendi boschivi che effettua indagini e recupera reperti utilizzando tecniche proprie della polizia scientifica. Il personale del Corpo forestale applica il “Metodo delle evidenze fisiche – Mef” che consente l’individuazione del punto di innesco fondamentale per qualsiasi successiva attività di indagine.

La campagna di informazione ai cittadini

“Prevenire gli incendi si può. Noi siamo pronti e tu?”, è la campagna di comunicazione sul rischio incendi di bosco che l’Agenzia regionale di protezione civile ha realizzato insieme al Corpo forestale dello Stato e al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna. La campagna di comunicazione è consultabile sul portale dell’Agenzia regionale di protezione civile (www.protezionecivile.emilia-romagna.it) e prevede anche depliant per informare i cittadini sui comportamenti più corretti da tenere.

I numeri utili da chiamare in caso di incendio

Se si avvista un incendio  è possibile chiamare gratuitamente i seguenti numeri utili:
1515: pronto intervento del Corpo forestale dello Stato;
115: pronto intervento del Dipartimento Vigili del fuoco;
8008-41051: numero verde regionale per la segnalazione degli incendi boschivi (Corpo forestale dello Stato- Regione Emilia-Romagna).

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48