“Nuièter ch’ì parlema ancùra in dialèt” quattordicesima puntata in onda il venerdì alle ore 17,30 Ascolta i file in anteprima

Ascolta il file ventitreesima settimana 

 Archivio puntate

 

I conduttori Normanna Albertini Savino Rabotti Afra Campani

I conduttori Normanna Albertini Savino Rabotti Afra Campani

 

VENTITREESIMA SETTIMANA

Dal 3 al 9 Giugno

PROVERBI

                                      Quando eravamo scolaretti alle prime armi ci insegnavano:

 

Giugno

la falce in pugno!

 

Era come un ordine perentorio. Perché a quei tempi il grano lo si mieteva a bollate, solo quello e solo quando era veramente pronto, ma solleciti per evitare che la mlîna lo intaccasse. E vi pare che potesse mancare il richiamo alla pioggia, necessaria ma importuna e inopportuna?

Quand la spîga la gh’ha la rèsta

la n’ völ aqua sûra a la testa.

 

Ma allora, come la mettiamo con chi dice:

 

Venire come l’acqua tra Maggio e Giugno,

 

cioè molto utile, molto opportuna? E, visto che siamo nel periodo di maggior lavoro, sentite come la risolvevano i nostri vecchi:

 

Andâr a lèt târdi a la sîra,

stâr sú prèst a la matîna,

a n’ s’ rûmp brîša al cavalèt,

gnân a n’ se schìsa ‘l pajûn dal let.

In fatto di sincerità?

 

Al bušìj a gli ên despêra.

 

Le bugie traballano, come una sedia con una gamba più corta delle altre tre. Poi ci soni i classici

Al bušìj al gh’han al gàmbi cûrti.

 

Al diâvle al fa ‘l pignàti, brîša i quêr-c.

 

E che dire poi della maldicenza e della calunnia?

 

Al ciàc-ri gli ên cmé ‘l srêš:

t’in sêrch úna, t’ n’in càt dêš.

 

Dare la propria parola significa chiamare Dio come testimone:

 

Parôla dìta

in cêl l’è scrita.

AL BÊN

 

Tra i tanti frammenti superstiti ve ne sono alcuni che evidenzino la solidarietà tra i poveri. C’erano (forse ci sono ancora) famiglie che sembrano il bersaglio delle disgrazie.

SANT’ANTÙNI DA BULÙGNA

 

Sant’Antùni da Bulùgna,

fê guarîr sta pôvra dùna

cûn sti quàter ragasèt,

Sant’Antùni benedèt.

FILASTROCCA

Quando qualcuno attaccava questa filastrocca c’era nell’aria un senso di ambiguità, soprattutto nei riguardi delle persone anziane. Come se costoro dovessero vergognarsi di fare l’amore. E la recita si fermava alla prima quartina. Il seguito invece è di nuovo rivolto ai piccoli e alle loro marachelle.

 

QUÀND A  PIÖV

 

A piöv e s'a gh'é 'l sûl:

tú-c i vè-c i fân l'amûr.

I' fân l'amûr sùta ai cùp

perché i šûvne i' n' sàpne angùt.

 

In gatûn suta a la fnèstra,

a mangiâr túta la mnèstra,

in gatûn fîn sùta al lèt

a mangiâr tú-c i cunfèt;

in gatûn insìma a la tùra

tú-c i gàt i' squàsne la cùa!

 

INDOVINELLO

L’ê tua cla côša,

l’ê sémper stâda tua.

Ma t’a n’ l’adröv mai,

ânsi, a l’adröva chiêter.

Il nome

POESIA

LA RUTAMASIÛN

di Savino Rabotti

 

Apèna iêr a m’era gnû int la mênt

ch’a s’ pudrê anca scampâr fin dòp i sênt

semper šûvne, rubúst, švêlt e gajârd,

sensa duvêr avêr di grân riguârd,

manî al tròt, al galòp o sùta al stànghi,

semper prûnt a tirâr sú bên al màndghi.

Ma l’é sus un quèl ch’al m’ha avilî:

“Va via d’int i pê, vè-c imbambî!

T’a n’ vèd che t’ fê ‘na múcia d’ cunfusiûn?

Scâns-te ded chì! Va a la rutamasiûn”!

Un s-cèl d’aqua giasâda int al cupîn

l’arê fat meno mâl! E cul sbafjìn

ch’a s’ dêva l’ària d’èsre al Padretèrne

me i’ l’arê spedî drit a l’infêrne,

a cöšre tút al têmp, fin ch’al srà vîv,

sensa gnân star lì a dâgh d’incentîv!

Ma, a la fîn, i’ ho pensâ ch’ l’îva rašûn.

E alûra i’ m’ sûn ‘ndâ a sèdre int un cantûn

cun l’aria d’ chî ch’a  sêrca un pô d’arpôš,

ma cûn un grân magûn fêrme int al gôš!

 

SUPERSTIZIONI

                                        PER TROVARE MARITO O MOGLIE

 

Per un giovane o una ragazza era disdicevole non potersi sposare. Le preghiere a diversi santi e le pratiche di superstizione sono moltissime. Una di queste prevedeva che il giovane o la ragazza si recasse al cimitero di notte, raccogliesse alcuni sassi e li portasse a casa. Doveva poi collocarli sotto il cuscino e dormirvi sopra tutta la notte. Se la pratica andava a buon fine al mattino, sul cuscino, doveva comparire il volto della persona amata.  (Da: M. Mazzaperlini: LA SUPERSTIZIONE NEL REGGIANO. Bizzocchi -2001).

 

SATIRA

Una ventina di anni fa ci fu un caso strano. Un gruppo di cacciatori si era riunito nello spiazzo che ora costituisce il parcheggio della Trattoria del Castellaro, allora stalla. E mentre discutevano a voce alta un cinghiale si è affacciato sopra l’argine senza che se ne accorgessero.

 

CACCIA  AL  CINGHIALE

di Savino Rabotti

 

L’âter dì i’ ho sentû dîr

una storia un pô curiûša,

ch’ la pudrê dventâr nujûša

ma, fôrs, anch fâr divertîr.

Tânti squâdri d’ casadûr

i’ ên in gîr a fâr d’ l’armûr,

e l’è un pô ch’i’ s’ dân da fâr

a la càsa dal cinghiâl.

Ma i cinghiâl, al dì d’incö,

i’ n’in fân sempr’ úna dal sö.

Prìma i’ stêvne scûš e bûn

sùta l’àmbra d’un maciûn,

adès invêci i’ s’ töšne ‘l gúst

ad gnîr fîn dednâns a l’ús.

Ûn d’ chi lì l’êra gnû fîn

sûra l’ârši di Carlîn,

e ‘l guardêva d’ bûn umûr

šù, int la via, i casadûr.

Mènter ch’a i pundîva a mênt

al fé ste ragiunamênt:

“L’è ‘na squadra pôch madûra

ch’ la n’ me fa gnân  gnîr pajûra!

Cun i s-ciòp e cun i cân

i’ ên úst bûn d’ fâr dal bacân.

Cun i cân e cun i s-ciòp

prìma i trân, pu’ i’ mîri dop.

A gh’è ânch di furastêr,

ma in me mètne mia pensêr!

Però adès ch’i m’han scupêrt

a srà méj tgnîr  i’ ò-c avêrt

che, dal vôti, (a n’ se sà mai!)

i n’ culpìsne anch al bersài,

ma pra sbàli, sia bên ciâr,

vist ch’i n’ên mia bûn d’ mirâr”!

E difàti al prim ch’a tré

quasi quasi al le ciapè.

Al secùnd, ch’ l’êra pu’ bûn,

a gh’ fé blèdga int un galûn.

Chi êter culp, trat bastasìa,

i’ ên fnî adòs a ‘na gašìa!

“Tîra te che po’ i’ tîr me”!

ma ‘l cinghiâl l’é sempre lé.

Vist l’andiàmo al cinghialòt

al s’é tôt dal quarantòt

e ‘l s’é inviâ šù pr’al Vidûr

a dispèt di casadûr

che i’ s’ên mìs a brangugnâr:

“A n’ se prîva mia mancâr!

L’era lì, fêrme, impalâ.

Ma perché n’ l’êt mia ciapâ”?

Ma la gênta malisiûša,

sèmper prunta a criticâr,

l’ha decîš ch’a n’ gh’ê mia scûša

per pudês giustificâr,

e la dîš che la rašûn

l’è che a càsa di cinghiâl

a n’ s’ ghe va brîša cun ‘l bal:

a sghe va cun i baltûn!

 

CURIOSITÀ

IL TASSOBIO

 

A chi sarebbe mai passato per la mente che questo torrente acquistasse importanza? È la solita storia, purtroppo non ancora superata, che è bella solo la roba degli altri e la nostra fa schifo. Di più: nell’alto Appennino esiste addirittura un proverbio poco lusinghiero: I’ t’ dàgh un câls int e’ Tasùbi equivale a: ti prendo a calci nel sedere. Eppure il Tassobio merita tutto il rispetto:

 

il bacino è di 100 kmq.

la lunghezza del percorso è di 21,50 Km  (solo per il tratto principale);

nasce a 735 msm, vicino a Marola;

sfocia a 258 msm, tra Compiano e Buvolo;

punto più alto del bacino:  960 msm sotto Bismantova (sottobacino Rio Maillo);

dislivello: 477 m.

affluenti importanti: Tassaro, Maillo, Leguigno, Beleo.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48