Campagna di controlli dell’Ausl sulla sicurezza sul lavoro

Continuano le campagne straordinarie di controllo della sicurezza sul lavoro nei cantieri edili da parte delle aziende Usl di Area vasta Emilia nord.

Durante la prima settimana di giugno il servizio di prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro dell’Azienda Usl di Reggio Emilia ha attuato una campagna intensiva di controllo delle condizioni di sicurezza sul lavoro nei cantieri edili, cui hanno partecipato gli enti preposti al controllo della sicurezza e della regolarità del lavoro nei cantieri edili (direzione territoriale del lavoro, Inail, Inps). Questa iniziativa si inserisce nella normale vigilanza nei cantieri edili, che rappresentano una delle attività prioritarie dei servizi di prevenzione delle aziende Usl.

Rimane sempre molto alta la percentuale dei lavoratori autonomi: oltre un terzo del totale. Quasi il 30% dei cantieri ispezionati ha presentato irregolarità. A Reggio Emilia sono stati 77 i cantieri oggetto di vigilanza, con 111 imprese e 229 addetti complessivi di cui ben 90 lavoratori autonomi, e ventuno sono stati i cantieri non sicuri. Per queste irregolarità sono stata comminate sanzioni per quasi 70.000 euro.

I controlli hanno riguardato i rischi di caduta dall’alto, i rischi di sprofondamento e di seppellimento negli scavi, la sicurezza degli impianti elettrici e delle macchine da cantiere, principali cause di infortuni gravi e mortali. Le mancanze erano tali da comportare pericolo per i lavoratori nel 27% dei cantieri.

Sono stati rilasciati 21 verbali di contravvenzione, il 22 % nei confronti delle imprese esecutrici di opere. Il 69 % delle irregolarità è stato riscontrato a carico delle figure responsabili dell’organizzazione dei cantieri, soprattutto imprese affidatarie (48%), coordinatori per la sicurezza, ma anche committenti dei lavori. Le irregolarità prevalenti riguardano l’inosservanza delle norme connesse con il rischio di caduta dall’alto, infatti il 17 % dei ponteggi presentava irregolarità di diversa natura e sono state riscontrate irregolarità nelle lavorazioni sui tetti nel 31% dei casi.

Confrontando i risultati di questa campagna con quelli precedenti, si può osservare che per la prima volta, dal 2006, meno del 30% dei cantieri ha presentato violazioni che hanno comportato verbali e relativa segnalazione all’autorità giudiziaria. Prosegue quindi un trend confortante che dura da quattro anni.

Purtroppo però, le tipologie di carenze riscontrate sono sempre le medesime, riconducibili ai rischi legati ai lavori in quota e ascrivibili a una carente progettazione della sicurezza o a una superficiale conduzione del cantiere.

Avanza ulteriormente il processo di destrutturazione delle imprese. In questa campagna le 111 imprese oggetto di controllo hanno utilizzato un numero di lavoratori dipendenti nei cantieri ispezionati di 139 unità, pari a una media di soli 1,25 lavoratori, il livello più basso mai osservato negli ultimi otto anni. Si accentua il fenomeno delle imprese individuali senza dipendenti, ben 90 (39% della forza lavoro nei cantieri controllati), anch’esso a livelli record.

Infine, il ricorso sistematico alla catena dei subappalti verso imprese sempre più piccole è uno dei principali fattori che influenzano negativamente le capacità organizzative e tecniche delle imprese stesse ad attuare le misure di sicurezza.

Il servizio di prevenzione dell’Azienda Usl della provincia di Reggio Emilia, in maniera coordinata e congiunta con gli altri enti dell’organismo provinciale, proseguirà l’intenso controllo delle condizioni di sicurezza nei cantieri edili come da programmazione e si ripeteranno periodicamente analoghe campagne straordinarie di vigilanza. In virtù del piano regionale edilizia, nel 2013 saranno ispezionati in provincia di Reggio Emilia circa 700 cantieri, in Emilia-Romagna 5.000 e circa 50.000 in Italia, sulla base del piano nazionale.

Contestualmente si intensificheranno le attività di assistenza e informazione alle imprese e ai lavoratori volte a promuovere la cultura della prevenzione negli addetti. Si ricorda che è disponibile un sito dedicato alla campagna regionale di comunicazione sui rischi nel settore edile contenente materiali informativi (www.prevenzionecantieri.it).

Campagna straordinaria di controllo della sicurezza sul lavoro nei cantieri edili da parte dell’Azienda USL di Reggio Emilia - Provincia di Reggio Emilia.

 

N. cantieri ispezionati

77

di cui congiuntamente da più Enti

20

N imprese

111

N. lavoratori dipendenti

139

N. lavoratori autonomi

90

% cantieri con ponteggi irregolari

17% (9/53)

% cantieri con aperture non protette

5% (1/20)

% cantieri con lavorazioni pericolose sui tetti

31,4% (11/35)

% cantieri con scavi pericolosi

11% (1/9)

% cantieri con impianti elettrici irregolari

2% (1/51)

% assenza comunicazione d’installazione app. sollevamento

3,8% (1/26)

% cantieri contravvenzionati

27% (21/77)

N. verbali inviati alla Autorità Giudiziaria

21

N. totale violazioni contestate

23

Valore sanzioni comminate

 € 67.400,00

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. E’ un po’ di tempo che sto segnalando degli strani cartelli di cantiere nel comune di Collagna dove, come permessi di costruire, è presente il numero del protocollo di presentazione del progetto in municipio, ma purtroppo l’ufficio tecnico non vede i lavori che si fanno al fianco della passeggiata che porta alla “fonte dei Porali”… Spero che dopo quest’articolo qualcuno controlli questi cantieri al limite dell’abusivismo.

    (Mauro)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48