“Una lettera già vista”

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera inviata a Giuliano Maioli, candidato alle primarie Pd in programma il prossimo 2 marzo ai fini della designazione del candidato sindaco di centrosinistra a Castelnovo ne' Monti.

-----

Gent.mo sig. Maioli,

solo una settimana fa Le inviavo le mie congratulazioni per una lettera di presentazione, la Sua, che ritenevo essere (lo ritengo tutt’ora, in verità!) davvero simpatica e originale. Nei giorni scorsi, però, sentivo dire che quella lettera, in realtà, non era stata scritta da Lei bensì da un candidato sindaco di Bari, certo sig. Antonio Decaro.

Nessun cenno alla paternità di quella missiva nelle Sue brevi parole di risposta inviatemi. In questo giornale, invece, veniva spacciata per Sua autopresentazione (con i Suoi successi rallystici forse sarebbe stata più opportuna una presentazione-auto?).

Ora, per farla breve, Le dico che per quanto riguarda me, elettore castelnovese che un giorno Le strinse la mano in Municipio dandoLe atto di una correttezza e di una coerenza non così diffusa tra coloro che si autodefiniscono democratici, avrei preferito che Lei si fosse proposto ai suoi concittadini dicendo loro che faceva propria la missiva stilata dal candidato barese, sig. Antonio Decaro, riconoscendosi appieno in quei passaggi.

Allego il commento a cui mi riferisco. Qualcuno dice che poi, recentemente, Lei a quella lettera abbia fatto riferimento e mi auguro che così sia stato.

In bocca al lupo, dunque (ma non quello del Team, stavolta!).

(Umberto Gianferrari)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

7 Commenti

  1. Non è possibile. Mi sembra più plausibile che sia stato il barese a copiare Giuliano.

    (C.S.)

    Rispondi
  2. Per “C.S.”, La inviterei a fare un controllo incrociato tra le date ed osservare che quella apparsa su “Il Corriere della Sera” risulta antecedente. Detto questo, mi piacerebbe ascoltare il commento del diretto interessato, Giuliano Maioli, per capire effettivamente cosa sta dietro a questa storia. Ringrazio in anticipo.

    (Edoardo)

    Rispondi
  3. Per quelli del Pd il pensiero originale è sempre stato un problema.

    (Af)

    Rispondi
  4. Redacon ha ospitato la lettera di presentazione di Giuliano Maioli e la segnalazione di un cittadino sulla presunta scopiazzatura del testo. Ci aspettiamo che il candidato alle primarie del PD spieghi su Redacon l’accaduto. In caso differente i sostenitori e i possibili votanti di Maioli trarranno le conseguenze del caso. Sarebbe opportuno inoltre inserire la replica nel settore “politica” che ha migliore visibilità sul foglio web poichè di ciò si tratta. Vedremo cosa succederà.

    (Federico Tamburini)

    Rispondi
  5. Se all’atto della presentazione a candidato sindaco questo è il biglietto da visita tutto ciò risulta molto triste.

    (Andrea Razzoli)

    Rispondi
  6. Ma per carità, Giuliano Maioli non ha certo bisogno di lettere per presentarsi e se l’ha fatto uno come Giuliano poteve fare riferimento anche al signor B. Obama. Giuliano Maioli è arcinoto ovunque, conosciutissimo e stimatissimo nell’ambito della scuola (dove da sempre insegna ai nostri ragazzi soprattutto a crescere), dell’amministrazione comunale (dove correttezza, trasparenza amministrativa e buon senso da sempre lo contraddistinguno), dello sport (dove andava più veloce di tutti). Antonio Decaro. Dunque, Antonio Decaro: e… chi sarebbe questo signore? Dai dai, sgasa, ascalda ‘e mutur che ‘a partèma!

    (R.L.)

    Rispondi
  7. Il mio commento non ha certamente grande valore politico e mediatico riguardo la lettera del candidato alle primarie Pd Giuliano Maioli. Si tratta solo di una riflessione personale, se andiamo a leggere i programmi elettorali dei vari candidati locali e non sono solo dei “copia ed incolla” di programmi che sentivo quando ero bambino, fortunatamente veniva solo cambiato il nome del partito altrimenti sembrava un tema copiato da tutta la classe. Non penso che Giuliano non sia in grado di mettere giù quattro frasi di presentazione, non essendo la nostra una comunità molto estesa e nota per conoscere tutto di tutti. Forse propendo per una boutade per valutare chi ha intorno, Maioli ha corso tanti anni in un mondo dove studiare i comportamenti degli amici-avversari è fondamentale. Personalmente credo che chiamarlo ingenuo non si girerebbe nemmeno. Cordialmente.

    (Pietro Zobbi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48