Dal canile (non fatto) nascono lampioni

Illuminazione Casina

Sono visibili in questi giorni in via Roma, nel centro di Casina, i primi segnali di un ampio ed innovativo progetto che riguarda l’illuminazione pubblica. Sono infatti in corso di installazione alcuni nuovi lampioni, a risparmio energetico, frutto di un intervento che l’Amministrazione comunale ha scelto di intraprendere utilizzando fondi precedentemente accantonati per il progetto del canile comprensoriale, poi abbandonato dalla Comunità montana. Ma è solo il primo passo di questa globale revisione che riguarderà tutti i punti luce pubblici sul territorio comunale, attraverso un apposito progetto, redatto in collaborazione con il Comune di Montecchio e presentato nei giorni scorsi.

“Il progetto 'Smart lux' - spiega il sindaco Gianfranco Rinaldi - vedrà l’avvio concreo entro breve: è stato pubblicato l’apposito bando e registriamo già un alto interesse. Sono già tre le imprese venute ad effettuare sopralluoghi. Si tratta del resto di un appalto complesso, per il quale è stato compiuto un lavoro preparatorio consistente: sono stati censiti tutti i 1020 punti luce sul territorio comunale, anche attraverso la georeferenziazione di ognuno di essi. Il bando prevede la sostituzione di tutte le lampade, installandone su ogni lampione nuove ad alto risparmio energetico. Attualmente la tecnologia più avanzata in questo settore è quella a LED”.

Questa sostituzione completa porterà ad un risparmio energetico ed anche economico assai consistente.

“L’attuale potenza media consumata da ogni corpo illuminante è di circa 160 watt, le nuove che saranno installate andranno dai 40 ai 50 watt. Il taglio dei costi per l’energia sarà di circa il 50% (ci sono alcuni costi fissi che non fanno corrispondere esattamente il risparmio energetico e quello economico). Il risparmio economico servirà a sostenere il progetto stesso nei primi anni. L’appalto prevede modalità innovative: l’impresa si impegna all’installazione di tutte le nuove lampade ed anche alla manutenzione, dietro il pagamento di un canone annuo. Ci saranno anche nuove possibilità offerte da questo intervento".

Conclude Rinaldi: “Per buona parte dei punti luce del centro storico ci sarà la possibilità di tele controllarli a distanza, regolandone anche l’intensità in tempo reale. L’intervento di sostituzione dovrà essere concluso entro il novembre 2014. E’ un progetto di cui sono fortemente convinto: ci consentirà di illuminare meglio spendendo meno e risparmiando in questo modo fondi a favore della collettività”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

4 Commenti

  1. Ottima idea, il green è il futuro!

    (Carlo)

    Rispondi
  2. Complimenti sindaco, ma dica, i cani ricoverati nei canili in città quanto costano alla collettività? E, dica, è stato risolto il problema del randagismo in montagna? Almeno ora con i lampioni nuovi i cani randagi di notte potranno vedere meglio dove camminare.

    (Sig. G)

    Rispondi
  3. Della serie: non tutto il male viene per nuocere. Comunque è sicuramente una buona iniziativa perché l’energia risparmiata è sempre un ottimo investimento. Con i nuovi lampioni vedremo se è vero che di notte, in montagna, non c’è più un cane in giro…

    (Antonio Manini)

    Rispondi
  4. Ma è proprio vero che c’è sempre qualcuno che non è contento di quello che si fa. Per la scelta fatta io lo sono, complimenti sindaco.

    (Afro)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48