Viano / Lista civica “Bilancia”, alcune considerazioni di Pier Luigi Cantarelli

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Premesso che uno ha il diritto di fare a casa sua quello che vuole, non possiamo però non chiederci perché Grassi imprenditore abbia ospitato, in tempi elettorali, il PD per poi candidarsi, da politico, con Bedeschi che 5 anni fa confinò proprio il PD all’opposizione in comune. E’ un particolare che ci piacerebbe capirlo, perché magari fa parte di un modo “nuovo” del fare politica che ci sfugge e saremmo tentati di pensare che sia che Bedeschi mantenga la guida del comune sia che vinca Razzoli il PD porterebbe comunque a casa un ottimo risultato. Alla luce di questa considerazione capisco anche il perché Danilo Betti, numero due della lista PD e “rifondatore” forse pentito, si scagliò contro Marco Dallari perché avevo dato ascolto al “comitato esodati” guidati da Pietro Braglia e richiesto, come poi fu fatto, che potessero portare le loro ragioni in un consiglio comunale di Viano. Era forse, per il “metro politico” di Betti, cosa troppo “di sinistra” (ma era solo buon senso) e non andava bene, visto che lui se ne era bellamente disinteressato, che fosse un altro ad ascoltarli. Betti allora disse che era uno “strumentalizzare” lo stato di bisogno di questa gente, alludendo che era inutile sentirli. Una polemica molto dura, che soltanto in questi giorni è scomparsa dal sito del PD, avendo opportunamente lasciato lo spazio al più importante appello per la raccolta fondi a favore della missione di padre Marco Canovi ad Apettolin in Uganda. Noi, se ragionassimo come Betti, potremmo pensare che sotto elezioni non si disdegni avere anche i voti della compagine cattolica. Non ci azzardiamo a dire che si sia voluto “strumentalizzare” a fini elettorali la meritevole opera di padre Canovi, perché sappiamo bene che in questi anni il sito del PD ha sempre pubblicato l’orario delle messe festive e feriali e gli appelli dei missionari per trovare fondi per la loro pastorale. Noi non amiamo parlare di “destra” e di “sinistra” se questo comporta alzare steccati, ma semplicemente di buon senso e continueremo ad ascoltare le ragioni del “sociale”, sia che comporti un aiuto ai missionari che agli esodati. Non per niente il vicesindaco uscente, Assunta Spadoni, che ha rinunciato forse ad una comoda fascia tricolore pur di testimoniare questi valori, è fortemente dei nostri.

(Cantarelli Pier Luigi, lista civica "Bilancia", Viano)

Cantarelli Pier Luigi

Cantarelli Pier Luigi

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48