Home Cronaca Dichiarazione del sindaco del comune di Collagna, Paolo Bargiacchi, in relazione alle...

Dichiarazione del sindaco del comune di Collagna, Paolo Bargiacchi, in relazione alle notizie di stampa relative al caos sull’applicazione della Tasi 2014

2
0

Riceviamo e pubblichiamo.

-------

Dichiarazione del sindaco del comune di Collagna, Paolo Bargiacchi, in relazione alle notizie di stampa relative al caos sull’applicazione della TasiI 2014.
1) Con deliberazione consiliare (n. 20 del 28 aprile u.s.), il Comune di Collagna ha deliberato l’applicazione della TASI a zero, per l’anno 2014. Pertanto, in relazione a tale tributo, per l’anno 2014, nulla è dovuto da parte dei contribuenti del Comune di Collagna.

2) Inoltre, con deliberazione consiliare (n. 21 del 28 aprile u.s.), il Comune ha fissato le seguenti aliquote IMU per l’anno 2014:
a) 4,0 per mille per tutte le abitazioni “principali” con esenzione del pagamento IMU per i seguenti casi particolari:
• abitazione principale e relative pertinenze (C/2, C/6 e C/7);
• ex casa coniugale e relative pertinenze;
• unità immobiliare e relative pertinenze come sopra indicate posseduta da anziani o disabili, titolari del diritto di proprietà o di usufrutto, che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari;
• unità immobiliari, appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari;
• fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano locati;
• unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
c) 7,6 per mille, per tutti gli immobili appartenenti alle attività produttive dei settori turistico/produttivo e artigianale, riconducibili alle categorie catastali “D” (l’imposta relativa a questa tipologia di immobili è destinata per intero all’erario dello Stato), “C/1”, “C/3”, “C/4” “C/5”;
d) 10,5 per mille per i fabbricati ad uso abitativo (seconde case) e relative pertinenze non utilizzati quale abitazione principale e per tutti i fabbricati che non rientrano nel punto c);
e) 7,6 per mille, per le unità abitative censite nella categoria da A/01 ad A/09 e loro pertinenze concesse in comodato o uso gratuito a parenti in linea retta fino al primo grado (figli/genitori) che le occupano quale “dimora abituale” avendo trasferito, in tale immobile, la propria residenza;
f) 9,0 per mille per le aree fabbricabili; sono stati adottati i valori delle aree fabbricabili per ogni Mq e divisi per località e destinazione il cui elenco è da verificare presso gli uffici comunali.

L’ammontare della detrazione per l’abitazione principale e relative pertinenze, è di euro 200,00 da applicarsi ai casi indicati al punto b); la detrazione per l’abitazione principale è maggiorata di euro 50,00 per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e che l’importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non può superare l’importo massimo di euro 400,00. I terreni agricoli montani ed i fabbricati rurali posti in territori montani e strumentali all’attività agricola, sono esenti dal pagamento dell’Imu.

Infine, si precisa che il Comune di Collagna:
- non applica l’addizionale comunale;
- non applica la tassa sui passa carrai;
- non applica la tassa di soggiorno;
- non applica l’imposta di scopo.

Tutto ciò, è possibile perché il Comune di Collagna fa parte di un’Unione di comuni che ha consentito ai comuni che ne fanno parte, l’abbattimento della pressione tributaria, in forza dei contributi statali e regionali erogati a favore dell’Unione stessa.

Sarà, inoltre, possibile mantenere in futuro tali agevolazioni tributarie per i cittadini e le attività, mantenere tutti i servizi di qualità alta e diffusi sul territorio, nonché la valorizzazione delle proprie risorse specifiche (turismo ed ambiente), soprattutto assieme alla riduzione dei costi della politica, esclusivamente con il completamento del percorso di fusione, coraggiosamente e doverosamente intrapreso, senza mettere a repentaglio il senso si appartenenza a queste straordinarie comunità di crinale.

(Paolo Bargiacchi, sindaco di Collagna)

 

Articolo precedenteLista civica “Bene comune per Carpineti”, incontro a Valestra l’8 maggio
Articolo successivoL’evento annuale della Banda musicale di Felina venerdì 16 maggio prossimo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.