Anima Montanara ecco il nuovo disco ‘Ballate d’Appennino’

untitled

Anima Montanara

Il gruppo musicale ANIMA MONTANARA presenta il nuovo disco BALLATE D'APPENNINO sabato 24 maggio al Teatro Bismantova di Castelnovo ne' Monti. E' il terzo album discografico del gruppo che si sta distinguendo nel panorama nazionale per la ricerca e la valorizzazione della cultura musicale e letteraria dell'Appennino reggiano musicando i testi di alcuni dei più sensibili poeti montanari e le storie della zona mai scritte in rima e tramandate per lo più oralmente.

Le musiche sono del chitarrista reggiano Francesco Boni e sono state arrangiate per  un originale gruppo musicale formato da due voci, tre chitarre, fisarmonica, sassofono e clarinetto, strumenti della tradizione montanara che qui vengono reinventati con un linguaggio moderno che spazia dalla world music al jazz.
Il libretto del cd è impreziosito dalle immagini di Amanzio Fiorini, l'antico fotografo dell'Appennino qui reinterpretato dalla fotografa reggiana Erica Spadaccini, la presentazione è di Clementina Santi, la grafica del noto artista Luca Guerri, officina48.it, le foto degli artisti di Ettorina Agosti.

I musicisti di ANIMA MONTANARA sono i cantanti Irene Condò e Paolo Romei,  Francesco Boni, Dario Sabattini, Gianni Bolzoni alle chitarre, Mirko Ferrarini, fisarmonica, Davide Castellari, sassofono e clarinetto, Roberto Mercati, pianoforte.
Il progetto è stato reso possibile anche grazie ai contributi dei Comuni di Vetto, Collagna, Busana e Castelnovo ne' Monti e ha il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia.
NOTE AL PROGETTO BALLATE D'APPENNINO di Clementina santi
L’orizzonte da cui provengono i testi del nuovo progetto si è fatto più ampio, e anche se la geografia è ancora quella dell’Appennino Tosco-emiliano, le suggestioni culturali vengono da più lontano con un risultato equilibrato e convincente; sul piano musicale è più nuovo (o forse più antico come sono quasi sempre le rivisitazioni) e affascinante, in quanto l’operazione musicale sui testi va nella direzione di un genere più melodico, vicino alla ballata appunto, come del resto recita il titolo e come suggerisce la parola antica: “ballata” come “canzone a ballo”, che rimanda alla musica popolare (ma anche cortese), quando “la poesia e la musica  insieme” chiamavano alla danza.

Sono presenti nella raccolta i testi della tradizione, che a volte attinge direttamente e rispettosamente al dialetto, per non perdere nulla della lingua originaria (La m’è sempre inamurada, Il testamento dell’ avvelenato), a volte riprende il racconto dalla memoria popolare (Maremma amara, La barbera).
Non poteva poi mancare il filone delle storie, presente con due testi bellissimi che sono ormai dei classici della letteratura di viaggio e di pellegrinaggio del nostro Appennino: Viaggio in Toscana di Umberto Raffaelli, che è un piccolo epos della transumanza e Del 24 Luglio alla mattina di Domenico Notari (maggerino e cantastorie), che racconta il pellegrinaggio all’eremo di  Maria Maddalena, sul Ventasso, ennesima variazione letteraria di una leggenda di peccato e di perdono.
Ci sono - ancora una volta -  i poeti che ci aspettiamo, presenti però  con testi poco noti e pertanto utili al progetto di recupero culturale di Anima Montanara: Umberto Monti (con Viottoli) e Ettore Monelli (con Riarbero), due poesie semplici, quasi di scuola, con versi brevi e rime non sempre perfette, ma con una musicalità naturale che viene prima delle  regole del metro. E accanto a loro un poeta che ci accompagna da sempre, Danilo Parmeggiani, con un testo molto intenso e molto moderno: 12 versi liberi, che sono gli unici nella raccolta a non essere musicati: soltanto letti o recitati, perché la poesia a volte deve potere fare i canti solo con le parole.
Infine ci sono due testi coraggiosi: uno (Teatro di stalla) è di Francesco Boni, che tesse versi nuovi su pensieri (e gesti) antichi, per riaffermare la continuità fra passato e presente. L’altro (A Dio), è un lascito poetico di Silvio D’Arzo, scrittore ormai considerato fra i grandi del novecento.
Così, queste Ballate d’ Appennino confermano ancora una volta che la nostra terra è serbatoio inesauribile di storie, di voci e di canto; e Anima Montanara continua con coerenza la sua strada, tra “montanarità e montanaritudine”, che è come dire tra orgoglio e malinconia; e ci consegna, oggi, un album in cui la poesia diventa canto e la metrica diventa musica.

Per altre informazioni, notizie, estratti audio e altro materiale si può visitare il sito www.animamontanara.it.
Ingresso € 10, under 13 gratuito
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48