Bambini investiti: di nuovo numeri in aumento

Gli ultimi due anni hanno fatto registrare una drammatica inversione di tendenza nel numero di bambini travolti e uccisi sulle strade italiane. Dopo anni di forte calo, nel 2013 in Italia il numero di giovani vittime da 0 a 13 anni (dati Asaps) è balzato a quota 48 rispetto alle 11 del 2012. Nel 2014 siamo già a 23 decessi e i mesi più pericolosi dell'anno devono ancora arrivare.

Nei giorni scorsi in Emilia-Romagna ha destato grande preoccupazione la tragica sequenza di incidenti che in una settimana ha causato 3 giovanissime vittime, l'equivalente al totale di quelle registrate in regione nei 3 anni che vanno dal 2010 al 2012: Jonathan, 3 anni, investito e ucciso il 22 giugno a Ravenna; Adam Essami, 3 anni, investito e ucciso il 27 giugno in provincia di Bologna, e Salvatore, 5 anni, investito e ucciso sempre il 27 giugno in provincia di Reggio Emilia.

Ecco le proposte lanciate in occasione della recente campagna Siamo tutti pedoni promossa dal Centro Antartide di Bologna a cui hanno aderito numerose organizzazioni ed associazioni di utenti della strada.

Modificare i comportamenti

Chi guida deve imparare a rispettare le regole del codice della strada, ma soprattutto del buon senso. A cominciare dall'abitudine a limitare la velocità, specialmente nei centri urbani e a ridosso degli attraversamenti pedonali, e da quella di non guidare se si ha bevuto, si è stanchi o si sono assunte droghe. Ma anche i pedoni possono fare qualcosa per la propria incolumità: prima di attraversare la strada è indispensabile stabilire un contatto visivo con gli eventuali conducenti dei veicoli che stanno sopraggiungendo ed accertarci che ci abbiano visto. Se siamo con dei bambini teniamoli per mano e attraversiamo con calma, senza correre lasciandoli indietro e senza farli scappare avanti.

Attraversamenti pedonali protetti

In ambito urbano tanti sono gli strumenti a disposizione per moderare il traffico e limitare la velocità dei mezzi a motore e rendere possibile la convivenza tra utenti deboli ed utenti forti della strada. Uno di questi, le isole salvagente in mezzo alla carreggiata, è utilizzabile anche in ambito extra urbano e con costi contenuti. La loro funzione è triplice: permettono al pedone di spezzare in due l'attraversamento preoccupandosi dei veicoli che vengono da un solo lato per volta; inducono un rallentamento nei veicoli che sopraggiungono perché sono un ostacolo al centro della carreggiata; impediscono a chi arriva di sorpassare chi si è già fermato per far attraversare i pedoni, con il concreto rischio di investirli. Molto importante è anche l'illuminazione dei passaggi pedonali: non a caso dei 3 incidenti mortali avvenuti in Emilia-Romagna 2 si sono verificati al crepuscolo o di notte.

Acquistare “auto amiche”

Negli ultimi anni le auto sono diventate decisamente più sicure soprattutto per chi ci sta dentro, ma non sempre per “chi ci sta fuori”. In particolare i Suv, che hanno riscosso così tanto successo, sono molto pericolosi per i pedoni a causa della loro altezza e della forma del cofano anteriore, che in caso di urto tende a colpire gli organi vitali che si trovano nella parte alta del corpo (testa e cuore per primi) e a scagliare a terra i pedoni. Paradossalmente per un pedone può essere meno pericoloso, a parità di velocità, essere investito da una Ferrari che da un Suv. Prima di acquistare un'auto è quindi importante valutare anche la sua sicurezza per i pedoni. È uno dei parametri dei noti test euro Ncap che misurano la sicurezza delle vetture ed è quindi facilmente consultabile per tutti i modelli più diffusi sul sito it.euroncap.com.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Spesso diamo la colpa agli altri, alle macchine, alla strada, agli autisti. Io ho assistito all’investimento di un bambino di forse 3 anni. Percorrevamo una strada non asfaltata stretta e piena di buche, io su fuoristrada dietro una grossa perforatrice. Davanti a noi la strada dritta stretta e con solo una donna e un bambino camminavano affiancati. La probabile mamma all’avvicinarsi del grosso automezzo ha cercato di prendere il bimbo ma questi, forse credendola una sberla, è saltato verso il centro della carreggiata finendo sotto le ruote del grosso mezzo. Si andava forse a 10-12 km/h. L’autista non è proprio riuscito a salvarlo. La stessa mamma ha testimoniato a favore dell’autista, ma ma adesso io sono favore del guinzaglio per i bimbi. Ho letto una targa per gli ospiti in inglese che tradotta suona così: gli animali sono i benvenuti, i bambini al guinzaglio! Internet ne è piena da 6 a 25€. Io ho 87 anni, non ho figli e non li vendo, però mamme pensateci! Penso che dovrebbero metterlo obbligatorio per legge come le cinture di sicurezza e pubblicizzarlo negli asili e nei reparti pediatrici, o forse ci sono già?

    (Ermete Muzzini)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48