Nuova bretella di Vetto: i lavori al via a primavera 2015

Sopralluogo sp direttore Mainetti  terzo da destra, tra presidente Masini e assessore Gennari

La nuova bretella sulla 513, contrariamente ai primi annunci, sarà realizzata nel 2015 e non già entro questo inverno. E’ quanto emerso dall’assemblea pubblica per aggiornamenti sulla grossa frana della sp 513 in località La Cantoniera, svoltosi martedì 30 settembre presso la sala polivalente di Vetto. Sono intervenuti Fabio Ruffini, sindaco vettese, Martino Dolci, sindaco di Ramiseto, Sonia Masini, presidente della Provincia Alfredo Gennari, assessore provinciale e Valerio Bussei ingegnere e progettista della nuova opera nonché dirigente del Servizio infrastrutture della Provincia e Federica Manenti, responsabile dell’Ufficio operativo Difesa del suolo e protezione civile.

E’ stata l’occasione per ripercorrere le tappe del movimento franoso, avviatosi nel 2009 e ripetutamente negli anni seguenti comportando diverse chiusure della strada sottostante e che complessivamente ha causato un dissesto di 30-40.000 metri quadrati di materiali. I lavori più recenti effettuati ad oggi hanno visto il disgaggio dei massi pericolanti disarticolati, l’installazione di barriere paramassi di 50 metri, il ripristino del vallo di contenimento del materiale franoso, il monitoraggio del fondo di frana essendo attivo, dal maggio 2014, un monitoraggio con sistema Lisa da parte dell’Università di Firenze, con il posizionamento di sei estensiometri. Il 12 luglio scorso è stato riaperto il traffico dopo l’ultima repentina interruzione che aveva spezzato in due la Val d’Enza e parallelamente è stato presentato il progetto definitivo per il quale, però, occorrono approfondimenti geologici e tecnici.

La bretella di 270 metri che si andrà a realizzare e che avrà il compito di costeggiare ed evitare la frana – e sorgerà sul materiale lapideo stesso - sarà larga 7 metri e avrà un costo di 1.500.000 euro, gode di un finanziamento di 95.000 euro dalla Protezione Civile – Regione Emilia Romagna, 305 mila euro da assegnazione di fondi dalla Regione. Saranno tre le fasi per la realizzazione della bretella, i primi lavori inizieranno a marzo aprile 2015, per cui in inverno occorrerà continuare a utilizzare l’attuale strada a senso unico alternato. Occorrerà quindi un secondo stralcio di 600 mila euro e, quindi, l’ultimo per il completamento dell’opera.

 

(si ringrazia Gianantonio Arlotti)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Se la bretella sulla SP 513 è ritenuta come l’opera più idonea per dare una soluzione definitiva al problema della frana in località Cantoniera di Vetto, non resta che attendere la sua realizzazione, ma continuo nondimeno a chiedermi se vi erano pure le condizioni idro-geologiche e tecniche per poter costruire in quel tratto stradale una semi-galleria, alla stregua di quella esistente a Cecciola di Ramiseto, e quale poteva essere l’eventuale costo di un tale manufatto.

    (P.B.)

    Rispondi
  2. Visto che le cose andranno per le lunghe (che sorpresa !), mi auguro che, nel frattempo, venga almeno sistemato il tratto, polveroso e pieno di buche, tra i due semafori: 30 metri di asfalto, non credo siano una spesa insostenibile…

    (Ivano Pioppi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48