Anche un estintore nel lago del Cerreto. “Farete pulizia?”, chiede un lettore a Comune di Collagna e Parco nazionale. “Sì, la faremo”

Estintore"Spett.li Comune di Collagna ed Ente Parco nazionale", scrive Miriano Monnanni, un lettore livornese attento al nostro territorio montano e in particolare alla zona cerretana.

Dopo gli spettabili, così prosegue la missiva: "Come da prassi e inciviltà confermata, anche quest’anno il Lago del Cerreto ha fatto scorta di immondizia attorno alla mezzanotte del 31 dicembre. Quest’anno alle consuete bottiglie di ogni genere si è aggiunto anche un estintore…".

Cerreto 1Stante. "Stante che - osserva - sembra sia impossibile combattere questo fenomeno di inciviltà e accanimento nei confronti di un lago consegnatoci dalla natura intatto e di estrema bellezza, stante che all’interno del lago vivono pesci e flora ittica di montagna, stante che il lago si trova all’interno di un Parco nazionale sempre più frequentato, affermato e riconosciuto…".

"Cortesemente chiedo se sarà possibile prevedere una pulizia dei suoi fondali e delle sue sponde al termine della stagione invernale o se diversamente dovremo considerare lo specchio d’acqua ai piedi del Monte La Nuda un semplice pozzo d’acqua nel quale far confluire rifiuti e oggetti di ogni genere".

Cerreto 2La risposta del direttore del Parco Giuseppe Vignali fa concorrenza per brevità allo storico "Obbedisco" di garibaldiana memoria ed è insolitamente molto rapida e poco politica. Semplicemente: "Sì, la faremo". Ora rimane solo da farla (a meno che non si sia già provveduto nei quattro giorni intercorsi dalla risposta).

* * *

Correlati:

Fine d’anno sulle rive del lago (rispettandolo) (23 dicembre 2014)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

12 Commenti

  1. Gentili dott. Giuseppe Vignali e Sindaco di Collagna, ma bisognava proprio aspettare la lettera di un livornese per procedere alla pulizia del lago? Dal 31/12/14 ad oggi non vi è mai passato per la mente che forse il lago andava ripulito? Cortesemente, una risposta. Era meglio un “lo facciamo”.

    (Serb)

    Rispondi
  2. Forse prima di pulire i fondali bisogna aspettare che si sciolga il ghiaccio?

    (Lorenzo)

    Rispondi
    • Intanto recuperino quello che si può recuperare, ai fondali penseranno in maggio. Oppure lasciamo che i turisti vedano l’estintore in versione boa? Se avessi un’attività al lago sarei ogni giorno a protestare al Comune di Collagna per l’abbandono di uno dei posti più turistici dell’alto Appennino.

      (Serb)

      Rispondi
  3. I fondali ora certamente non puoi pulirli, ma fino a ieri (da oggi nevica a Cerreto Laghi!) era forse possibile rimuovere con maggior facilità quanto rimasto in sospeso sopra al ghiaccio. Tuttavia l’importante sarà non dimenticare quella promessa fatta ora a gennaio, prima dell’estate. Ringrazio tutti per l’attenzione, saluti.

    (Miriano Monnanni)

    Rispondi
  4. La cosa mi fa un po’ pena, che quelli che non tengono alla pulizia del lago siano proprio gli operatori del luogo, anche il commento di Lorenzo mi sembra proprio assurdo. Spero che tu non sia uno dei titolari dei negozi di abbigliamento del Cerreto Laghi, perchè proprio voi in prima persona dovreste andare a pulirlo per mostrare il migliore biglietto da visita possibile! Ma se non interessa a voi… men che meno a noi turisti.

    (Marco)

    Rispondi
  5. Prima di tanti “Mab-Unesco” e convegni vari, è il tenere dietro a cose come questa che fa capire il senso dell’esistenza (se c’è) di un Parco nazionale. Tutto il resto è noia, diceva quello; cioè sovrastruttura di dubbia utilità pubblica.

    (Pino Abete)

    Rispondi
  6. Se può interessare, qui da noi ormai è una consuetudine supportare la pulizia delle spiagge e delle pinete svolta dai comuni nel periodo estivo con alcune iniziative miste tra pro loco, esercenti, residenti e turisti abituali.

    (Miriano Monnanni)

    Rispondi
  7. Secondo me la cosa più penosa è chi ce li tira i rifiuti nel lago.

    (S.)

    Rispondi
  8. La legge prevede pesantissime multe per la dispersione di rifiuti nell’ambiente e, “volendo”, anche maggiori quando la natura dei rifiuti è di un certo tipo. Per un sito con un lago poi senz’altro si potrà applicare il massimo che è di 600 euro a tappeto. In fondo, quando a ciò serviva l’autovelox di Acquabona si utilizzò tale ricavo, seppur al netto di quanto di spettanza all’Anas. Qualcuno l’avrà sporcato, è difficile individuarlo sul fatto, ma coi proventi delle contravvenzioni si possono abbondantemente pagare le telecamere all’uopo installabili.

    (Marco Leonardi)

    Rispondi
  9. Per Marco: gli operatori di Cerreto Laghi, io in prima persona, i maestri di sci, gli operatori comunali, più una volta hanno ripulito superficialmente il lago! Anzi, aggiungo, uno c’é pure finito dentro, ho le foto che testimoniano ciò che dico! Per cui prima di dire inesattezze forse sarebbe meglio riflettere. Purtroppo con la depenalizzazione dei reati e lo svuotacarceri abbiamo incentivato il permissivismo. Nella serata di Capodanno il Cerreto si riempie di giovani, tra cui alcuni irresponsabili, che non hanno il rispetto di nessuno e neppure dell’ambiente. Questo é il risultato finale di una società senza valori e troppo permissiva. Per Miriano: mi sa che di ghiaccio e neve non sei proprio pratico. Se ci fosse uno strato di ghiaccio sufficiente a sorreggere un soggetto saremmo già andati a togliere l’estintore, come abbiamo fatto più volte con altre schifezze. Se l’estintore rimane in superficie significa che il ghiaccio, anche se limitato, lo ha avvolto e non lo si riesce a strappare con corde e arpioni. Inoltre, aggiungo, il lago dovrebbe essere dragato, visto che è pieno di depositi vari sul fondo mai rimossi per 40 anni.

    (Chicco Ferretti)

    Rispondi
  10. Chicco, nessuno ha mai detto di andare dentro al lago a togliere l’estintore, a me pare anche assurdo tu lo possa aver pensato. Si parlava di poter fare in questa fase una limitata pulizia superficiale delle sponde del lago, ben visibili dalle foto: quelle bottiglie lungo la grata le togli anche con un retino, non c’è mica bisogno di saper nuotare. A mio avviso la depenalizzazione dei reati e lo svuotacarceri c’entrano poco con l’inciviltà generalizzata e la mancanza di rispetto verso le persone e le cose che ci circondano oggi, questo sì è il vero problema di fondo dei nostri anni, che a Cerreto Laghi noti bene in occasione del 31/12, giovani o meno giovani che siano. Saluti.

    (Miriano Monnanni)

    Rispondi
  11. Buongiorno, questa mattina tramite un vostro assiduo lettore sono venuto a conoscenza che un commento firmato (si far per dire) “Marco” mi ha tirato pesantemente in ballo. Per prima cosa con il presente vi informo che il commento non è mio! In secondo luogo per informare gli utenti che mi ritengo mediamente intelligente, ma soprattutto mi ritengo persona educata. Nelle mie sporadiche visite a questo sito, forse solo una o due volte ho lasciato dei commenti sicuramente non offensivi e atti ad una critica costruttiva e logicamente li ho firmati con nome e cognome e mi faccio meraviglia di chi non fa altrettanto! Per ultimo, senza entrare in polemica, devo capire secondo quale logica un’operatore privato dovrebbe sostituirsi agli enti/operatori preposti (presuppongo e spero stipendiati), alla pulizia del lago.

    (Lorenzo Ghirelli)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48