L’Appennino per Matilde, con un calendario di eventi e un film. Tutto per celebrare i 900 anni dalla morte

Foto C. Marcucci - Studio Arlotti (63) (Large) L’Appennino reggiano sulle orme del formadìo si lega alla pianura e guarda a Matilde di Canossa nel IX centenario dalla morte. E lo fa con un calendario di eventi dei Comuni, dal crinale sino al cospetto del Polirone di San Benedetto Po (dove sarà custodita sino al Seicento la salma della viceregina d’Italia), passando per Reggiolo (dove si spense a Bondeno), e delle associazioni del territorio, quindi con un progetto di marketing territoriale promosso dal Consorzio Conva (Consorzio per la valorizzazione delle attività d’impresa, dei territori e della persona) che nel 2009 rilanciava il tema della scoperta del formadìo. La presentazione di entrambi è avvenuta stamane, 30 aprile, presso il foyer del Teatro Bismantova di Castelnovo ne’ Monti, alla presenza dei sindaci dei Comuni e degli esponenti delle diverse associazioni coinvolte.

UN CALENDARIO D’EVENTI PER CELEBRARE MATILDE
“Aabbiamo pensato di riunire in ‘L’Appennino per Matilde’ un calendario di eventi e iniziative che i diversi comuni, Pro Loco, associazioni e istituzioni culturali, andranno a realizzare per celebrare il IX centenario della morte della Grancontessa (1115 – 2015) proprio nelle sue terre”, spiega Clementina Santi, professoressa, coordinatrice di eventi storici nei territori Matildici.
In questo modo sarà possibile rafforzare l’identità territoriale attorno alla figura della Viceregina d’Italia. Si tratta di iniziative di diverso tipo, da fiere a tema a rievocazioni storiche, da manifestazioni artistiche a ricercati eventi gastronomici, che hanno in comune il legarsi alla storia e alle vicende della Grancontessa di Canossa e, quindi, di svolgersi nel corso del 2015, come è emerso dagli interventi di Tiziano Borghi, sindaco di Carpineti, Fabrizio Corti, sindaco di Baiso, Paolo Bargiacchi, sindaco di Collagna, Maurizio Fontanili, ex presidente della Provincia di Mantova, Giuliano Gabrini, Comune di Villa Minozzo, e dai rappresentanti del mondo della scuola e della cultura Franco Canova, storico, Maria Alberta Ferrari, Società Dante Alighieri.
L’intero percorso si inserisce nel più vasto cartellone di eventi che in un anno e mezzo ha visto raccogliersi attorno ai Comuni capofila di San Benedetto Po e Quattro Castella oltre 90 tra enti pubblici, associazioni, soggetti privati di un territorio che va da Mantova a Grosseto.
UN PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE
“Dopo la scoperta e il rilancio del tema del formadìo, il Consorzio Conva – dichiara Gabriele Arlotti, presidente – ha attuato un progetto di marketing territoriale in occasione delle celebrazioni per i 900 anni dalla scomparsa di Matilde di Canossa. Si parte proprio dal tema del formadìo come filo comune: esso rendere al territorio il valore storico lasciato dalla Grancontessa, in fatto di coesione civile, economia, agricoltura e tradizione. Sono previsti un docufilm, convegni internazionali, cotture spettacolari a fuoco, appuntamenti per i turisti. Un progetto che, non senza fatica, stiamo autofinanziando, forti di questa ricorrenza di valore europeo. Un grazie a Emanuele Lamedica, illustratore de Il Corriere della Sera, che in una mappa di prossima pubblicazione ha illustrato i fattori salienti di questo percorso”.
“Legare il tema di Matilde al Formadìo (la Forma dìDio) antenato dell’attuale Parmigiano Reggiano Dop – osserva Emilio Bertolini, associazione ‘Amici di Matilde’ – è stata una scelta che è giunta naturale con l’analisi delle fonti storiche. Celebrare Matilde, anche in assenza di risorse da parte del pubblico, è comunque uno straordinario segno di attualità e merito. Da qui, in collaborazione anche con la Pro Loco di Marola e l’associazione Amici di Matilde, il convegno internazionale: “Dalla forma di Dio a Matilde: nove secoli per l’Europa. Sarà seguito dalla Santa Messa solenne in latino con canti gregoriani e della spettacolare cottura ‘Fuoco al Mito’ al cospetto dell’abbazia”.
“Stiamo curando un docufilm – sottolinea Ubaldo Montruccoli, insegnante e regista –, cooproduzione Conva – Agriturismo Madonna della Corte, “In morte di Matilde di Canossa - Onore e vanto di Italia e vita d'Europa” incentrato sulla morte di Matilde. Molteplici i luoghi del girato. Nel ruolo di Matilde una figura che più volte si è calata nel ruolo in Italia e all’estero (Germania), Elisa Montruccoli, mentre le comparse sono di gruppi medievali del territorio e persone volontarie. Ci attendono ancora alcune settimane di girato: l’obiettivo che ci prefiggiamo e che intendiamo condividere col mondo della scuola, della cultura e, perché no, dell’economia, vuole essere una testimonianza di quei momenti che videro la storia trattenere il respiro”.

L’intero calendario di eventi sarà pubblicato su www.terredicanossa.re.it

IL CALENDARIO DEGLI EVENTI
L’Appennino per Matilde
COMUNE DI CARPINETI
Sabato 16 maggio, dalle ore 10, si terrà a Marola il mattino e a Carpineti il pomeriggio, il convegno di studi “Mathilde, Dei Gratia”, in collaborazione con la Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla.

Sabato 30 maggio, dalle ore 10, avrà luogo a Carpineti (Reggio Emilia) la mattinata per le scuole “Tra le radici e il cielo”, spettacolo teatrale di Roberto Mercati e Marina Ligabue.

Domenica 12 luglio si terrà a Carpineti (Reggio Emilia) la narrazione storica “Anno Domini 1077, Gregorio VII e Matilde a Carpineti”, nell’ambito di “Scarpazzone in forma”, a cura di “Carpineti da vivere”.

Sabato 18 luglio nell’antico monastero carpinetano (Marola di Carpineti, Reggio Emilia) giungeranno appassionati di storia dal mondo, per il convegno internazionale: “Dalla forma di Dio a Matilde: nove secoli per l’Europa”, coordinato da Gabriele Arlotti e Donatella Jager Bedogni. Un momento pensato per trasferire al mondo economico e del turismo il valore reale del regno di Matilde. L’evento è organizzato da Consorzio Conva, Associazione Amici di Matilde, Pro Marola, Centro diocesano di spiritualità di Marola.
Alle ore 20.30 si terrà la Santa Messa solenne in latino con canti gregoriani, fino a tarda notte, in collaborazione con Associazione Scrittori Reggiani, il Cif (Comitato italiano femminile).

Sabato 18 luglio si terrà a Marola (Carpineti, Reggio Emilia) “Fuoco al mito”, a cura del Consorzio “Bibbiano la Culla”, che prevede una cottura didattica itinerante della forma di Parmigiano Reggiano, a fuoco di legna come 1.000 anni fa, con il latte dei caseifici di Carpineti.

Venerdì 24 luglio, nella piazzola di Bibbiano (Reggio Emilia), si terrà “Fuoco al mito” alla notte del Formadìo, che prevede una cottura didattica itinerante della forma di Parmigiano Reggiano, a fuoco di legna come 1.000 anni fa. Il tutto a cura del Consorzio “Bibbiano la Culla”, il Comune di Bibbiano, il Circolo Arci Piazzola.

Fra luglio e agosto l’associazione culturale Stana di Carpineti curerà la presentazione di alcune pubblicazioni matildiche: “Il castello di Carpineti”, di Francesco Lenzini; “Matilde”, di Rita Coruzzi; “Matilde, duchessa, contessa, regina”, di Cesare Bellentani; “Racconti canusini”, di Renato Borghi, sostenuto da Pro Marola. Andrà in scena lo spettacolo “Matilde, la storia e l’interpretazione”, di Renato Borghi.

Sabato 29 e domenica 30 agosto a Carpineti (Reggio Emilia) si terrà la millenaria Fiera di San Vitale, appuntamento più importante del Comune che quest’anno ospiterà una iniziativa di taglio nazionale legata al tema di Matilde e del Formadìo.

Da luglio ad ottobre sarà visitabile a Carpineti (Reggio Emilia) la mostra didattico – documentaria (con catalogo) “I cento volti di Matilde” (opere di artisti reggiani e mantovani, alcuni pezzi antichi che ritraggono Matilde), a cura di Sandro Parmiggiani, con pannelli che raccontano la biografia di Matilde. L’evento si svolge nell’ambito del progetto “Carpineti per Matilde” e in continuità con la mostra – catalogo “I mille volti di Matilde” di Paolo Golinelli. La mostra avrà più sedi: Palazzo di cortina, San Vitale, il castello.

Domenica 18 ottobre (anche l’11 e il 25), dalle ore 14.30, si terrà la “52^ Festa della castagna di Marola” (Carpineti, Reggio Emilia). Avrà luogo una rievocazione storica della fondazione dell’abbazia di Santa Maria di Marola, che Matilde fondò nel 1093 in riconoscenza verso l’eremita Giovanni da Marola. Il corteo con 100 figuranti partirà dai castagnetti di Pian del Lago, attraversando le vie del paese, per giungere alla piazza in cui avverrà la rievocazione storica.

COMUNE DI BAISO
Sabato 18 e domenica 19 luglio, a Baiso (Reggio Emilia), si svolgerà “La tavola di Bisanzio – da Bisanzio a Matilde”. Si indagherà, attraverso la ricerca storica e il recupero di antiche tradizioni gastronomiche, quanto il periodo bizantino nel territorio di Baiso e dintorni, abbia influito su cultura, tradizioni ed usanze locali e sull’apporto all’epoca matildica.

COMUNE DI BIBBIANO
Mercoledì 3 giugno, dalle ore 20 a Ghiardo (Bibbiano, Reggio Emilia), si terrà il “Palio La Culla 2015”, in collaborazione con il Consorzio Bibbiano “La Culla”, Arci Ghiardo Bibbiano, il Formadìo dei monaci.

COMUNE DI BUSANA
Sabato 16 e domenica 17 agosto, Cervarezza Terme, “Sapori e profumi d’Appenino… a tavola con Matilde”

COMUNE DI CANOSSA
La prima domenica di settembre si terrà a Canossa (Reggio Emilia) il grande corteo matildico.
Per il 28 gennaio 2016 è prevista, sempre a Canossa, la chiusura dell’anno matildico con la presenza del Cardinale Gianfranco Ravasi.

COMUNE DI CASTELNOVO MONTI
Da luglio a novembre, Anello della Pietra di Bismantova, festival di land art: ““Arteumanze: l’anello dell’Amore in Bismantova”, sul sentiero della Pietra, transumanze 900 anni dopo Matilde

COMUNE DI CASINA
1-2 agosto, Fiera del Parmigiano Reggiano, iniziativa a tema

COMUNE DI COLLAGNA
Domenica 19 luglio (in caso di maltempo domenica 2 agosto) avrà luogo, ad Acquabona di Collagna (Reggio Emilia), “Alla corte di Nasseta”, ovvero come la Grancontessa tentò di mettere fine alle discordie tra i monaci di San Prospero e gli “uomini delle valli”. Matilde stabilì che la controversia venisse risolta con un’ordalia o giudizio di Dio.

COMUNE DI SAN POLO D’ENZA
Venerdì 1 maggio alle ore 21 in piazza IX Novembre a San Polo d’Enza (Reggio Emilia), nell’ambito della “Segra dal Bòn Gust”, si terrà “Fuoco al mito”, la cottura di una forma di Parmigiano Reggiano in diretta come mille anni fa. L’iniziativa è svolta in collaborazione con il Comune di San Polo d’Enza, il Comune di Bibbiano, il Consorzio Bibbiano “La Culla”, la Latteria Sociale Moderna, San Polo d’Enza terre da vivere, Formadìo dei monaci.

COMUNE DI TOANO
Da venerdì 14 a domenica 16 agosto, a Manno di Toano (Reggio Emilia), si terrà la rappresentazione storica “I focolari di Manno e la corte di Toano accolgono Matilde”. Venerdì 14 la corte di Matilde assisterà al Palio dei Focolari durante il convivio storico, in un contesto musico artistico del periodo. Sabato 15 avrà luogo la sfilata in costume d’epoca da Manno alla pieve Matildica di Toano per partecipare alla funzione religiosa in latino con canti gregoriani. Nel pomeriggio si terrà la rappresentazione teatrale basata sul racconto “Il sigillo”, che vede Matilde protagonista. Domenica 16 Matilde e il corteo si recheranno all’abbazia di Frassinoro attraverso la via Bibulca.

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO
Dal 23 luglio al 5 agosto si terrà il “Pellegrinaggio sulla vai matildica del volto santo”. Il percorso di fede per la riscoperta e la visita ai luoghi sacri (Mantova, San Pellegrino in Alpe, Lucca) è organizzato in collaborazione con il Comune di Vezzano sul Crostolo, le Diocesi di Reggio Emilia, Lucca e Mantova, i Comuni sul percorso e la Regione.

COMUNE DI VILLA MINOZZO
Sabato 22 agosto si terrà la rievocazione storica e l’inaugurazione della Rocca di Minozzo (Villa Minozzo, Reggio Emilia), in collaborazione con la Pro Loco di Minozzo e l’associazione Amici della Rocca.

E sul filo di Matilde e il Formadìo…
COMUNE DI REGGIOLO
Sabato 4 luglio dalle ore 9.30, presso il centro sociale di Reggiolo (Reggio Emilia), si terrà il “Convegno internazionale di studi storici”, nel quale verrà presentato il volume con 139 documenti matildici tradotti dal latino all’italiano con numerosi ricercatori italiani, europei e statunitensi al fine di valorizzare il luogo nel quale Matilde trascorse gli ultimi mesi di vita (Bondeno di Roncore – attuale Corte Bondanazzo, Reggiolo).

RAVENNA
Giovedì 23 luglio, nel parcheggio dell’abbazia di Sant’Apollinare, a Lido di Classe (Ravenna) si terrà una cottura spettacolarizzata didattica itinerante della forma di Parmigiano Reggiano a fuoco di legna come 1.000 anni fa. In collaborazione con il Consorzio Bibbiano La Culla e il Comune di Bibbiano.

COMUNE DI SAN BENEDETTO PO (MANTOVA)
Dal 13 giugno al 31 agosto, nell’ex refettorio monastico di San Benedetto Po (Mantova), si terrà “Il volto di Matilde”, la mostra a cura di Francesco Martani e Associazione Club Unesco San Benedetto.

Venerdì 24 luglio, anniversario della morte di Matilde, si terrà “Ludus atque ludus. Memoria Mathildis” (giochi e ancora giochi in memoria di Matilde), presso le piazze e il complesso monastico di San Benedetto Po (Mantova). Nella serata si terrà il corteo storico con il tema "Dal sangue al volto". Parteciperanno i gruppi dei comuni reggiani dell’Appennino e mantovani legati a Matilde, saranno inoltre accolti i giovani pellegrini delle Diocesi a San Benedetto Po.

Sabato 25 luglio sarà celebrata a San Benedetto Po (Mantova) alle ore 10 la Santa Messa solenne in presenza del vescovo di Mantova. Alle ore 11 si terrà la manifestazione civica in piazza e la presentazione del romanzo e libro didattico sulla storia di Matilde di Canossa a cura di David e Matthaus Edizioni. In serata sarà proiettato il docufilm "In morte di Matilde di Canossa - Onore e vanto di Italia e vita d'Europa", con regia di Ubaldo Montruccoli, coproduzione del Consorzio Conva – Agriturismo Madonna della Corte.

Il primo fine settimana di ottobre, in occasione della tradizionale “Sagra dal Nedar”, si terranno San Benedetto Po (Mantova) convegno e mostra “L’Ars Canusina tra artigianato e terapia”, a cura del Consorzio Ars Canusina di Casina.

Da martedì 20 a sabato 24 ottobre, si terrà a San Benedetto Po (Mantova), il convegno “Matilde di Canossa e il suo tempo”, a cura di Cisam (Centro italiano di studi sull’ Alto Medioevo), una giornata si terrà anche a Quattro Castella (Reggio Emilia).

Fino al 31 ottobre sarà visitabile, presso il Museo Civico Polironiano di San Benedetto Po (Mantova), “Le sete di Matilde”, la mostra della collezione autunno – inverno 2015 di foulard Parcae, dedicati a Matilde di Canossa.

Sabato 7 novembre, a San Benedetto Po (Mantova), si terrà la presentazione del libro “La Via Romea Imperiale. Mantova, Modena e Pistoia sulla strada dei sovrani germanici”.

Fino a domenica 8 novembre, presso la Chiesa abbaziale e il complesso monastico, a San Benedetto Po (Mantova), si terrà “Matilde e il suo monastero nel IX centenario della morte 1115 – 2015. Chiese e luoghi nascosti in otto secoli di storia”. Il percorso è incentrato sulla storia dei primi anni del complesso monastico e sulla figura di Matilde di Canossa.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Nel programma di Marola riguardante gli eventi matildici, nell’ambito della “Festa della Castagna” non sarà la rappresentazione della donazione da parte di Matilde della chiesa-abbazia a Giovanni da Marola, ma del convegno di Carpineti dove l’eremita convinse la Contessa a continuare la guerra contro Enrico IV, poi vinta a Bianello.

    (Giovanni Giannasi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48